L’Argentina accoglie le Cryptovalute: Tra il caos politico e le difficoltà monetarie del Paese, la gente si rifugia nelle stablecoin in particolate in USDT

Il paese sudamericano ha combattuto per decenni l’inflazione elevata e l’instabilità monetaria. I suoi problemi sembrano essersi aggravati da quando ieri (3 luglio) il ministro dell’Economia, Martin Guzman, ha rassegnato le dimissioni dal suo incarico.

In mezzo a queste turbolenze economiche e per preservare la loro ricchezza, gli argentini hanno mostrato un maggiore interesse per le stablecoin. Diversi exchange di criptovalute, tra cui Binance e Lemon Cash, hanno informato che il costo di acquisto di Tether (USDT) utilizzando pesos argentini (ARS) è aumentato in modo significativo.

Le cryptovalute potrebbe essere la soluzione

Uno dei più grandi paesi del Sud America e un ex gigante economico, l’Argentina, non è stato nella sua forma migliore negli ultimi anni. Mentre durante i primi tre decenni del 20° secolo, la nazione è stata tra i 10 stati più ricchi pro capite del mondo, le cose sembrano piuttosto diverse negli ultimi 40 anni.

La produzione inefficiente, i regimi dittatoriali e l’enorme debito estero hanno causato un’inflazione galoppante. In effetti, l’Argentina non ha avuto un tasso di inflazione a una cifra in almeno un decennio. Le turbolenze finanziarie globali provocate dalla pandemia di COVID-19, i conflitti militari e la crisi energetica hanno logicamente peggiorato le cose.

Nel 2019, il governo ha nominato Martin Guzman ministro dell’Economia. Durante il suo regno, è riuscito a ridurre il debito estero pubblico dell’Argentina mentre i cittadini in difficoltà ricevevano bonus e carte alimentari di cui avevano tanto bisogno.

Twitter Crypto-Blog.IT

Tuttavia, a maggio, il tasso di inflazione nel paese è salito a oltre il 60%. Allo stesso tempo, la carenza di carburante diesel e la pressione delle ali politiche di sinistra hanno portato ieri alle dimissioni di Guzman.

In qualche modo, alcuni argentini hanno spostato lo sguardo verso le criptovalute e, più specificamente, le stablecoin si sono ancorate al dollaro USA a causa del deprezzamento della valuta nazionale. I dati di CryptoYa hanno rivelato che il prezzo di Tether (USDT) misurato in ARS è aumentato in numerosi scambi. Il costo di acquisto del prodotto su Binance è di circa 270 ARS, mentre il prezzo su Lemon Cash è di quasi 295 ARS.

Vale la pena notare che l’Argentina è tra i paesi con il più alto tasso di adozione di criptovalute. Secondo una ricerca condotta da Chainalysis, la nazione si è classificata al 10° posto, superando Cina, Brasile, Sud Africa e Russia.

martin Guzman

Anche i turchi si sono rivolti alle stablecoin

Un altro paese che combatte l’elevata inflazione è la Turchia. La sua valuta nazionale è crollata in modo significativo rispetto al dollaro l’anno scorso e, mesi dopo, non è ancora in grado di ripristinare i suoi livelli precedenti. Per superare i problemi e preservare i propri risparmi, i turchi si sono rivolti a Bitcoin e Tether. Dal momento che è ancorato 1:1 con l’USD, quest’ultimo consente alle persone di acquistare l’opzione disponibile più vicina del biglietto verde ma sulla blockchain.

Sembrerebbe più logico che la gente del posto si rivolga prima all’oro poiché è lo strumento di investimento più importante e ampiamente utilizzato del paese prima di occuparsi delle criptovalute. Non molto tempo fa, tuttavia, il governo ha esortato la popolazione a cedere le sue riserve di metalli preziosi per sostenere l’economia.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!