La Banca centrale d’Irlanda, come la maggior parte delle altre banche irlandesi, non è ancora entusiasta delle nuove risorse digitali crittografiche

La Central Bank of Ireland ha pubblicato un rapporto di febbraio su “Security Markets Risk Outlook“, in cui evidenzia le aree chiave di rischio per i fornitori di servizi finanziari regolamentati.

In basso a pagina 23 c’è una sezione sui nuovi prodotti di cui le risorse crittografiche vengono menzionate. Facendo eco al sentimento della maggior parte delle banche centrali, il rapporto afferma che le criptovalute sono “probabilmente altamente rischiose e speculative“.

La banca ha aggiunto che i consumatori devono stare attenti agli alti rischi dell’acquisto e/o del possesso di questi strumenti, “compresa la possibilità di perdere tutti i loro investimenti”, perché la maggior parte non è regolamentata nell’Unione Europea.

Aumento dell’interesse per le criptovalute

La Bank of Ireland ha dichiarato di aver assistito a un aumento delle richieste per gli organismi di investimento collettivo in valori mobiliari (UCITS) o per i fondi di investimento alternativi (FIA) al dettaglio in criptovalute. Tuttavia, non era probabile che approvasse nulla per gli investitori al dettaglio in tempi brevi.

“Al momento, sebbene tali attività possano essere adatte per investitori all’ingrosso o professionali, è altamente improbabile che la Banca centrale approvi un OICVM o un FIA per investitori al dettaglio che propongano qualsiasi esposizione (diretta o indiretta) alle criptovalute”

La banca centrale non ha escluso tutti i prodotti crittografici come Bitcoin, il che suggerisce che potrebbe consentire prodotti negoziati in borsa per investitori istituzionali, tuttavia, vuole tenerlo lontano dalla vendita al dettaglio. L’analista del settore Colin Wu ha sottolineato che alcuni dei principali attori del settore, come Binance, hanno aperto negozi in Irlanda.

La Banca Centrale d’Irlanda ha affermato che è “altamente improbabile” che gli investitori al dettaglio possano utilizzare criptovalute. Binance ha già registrato diverse società in Irlanda e si vocifera persino di prepararsi a costruire un quartier generale lì.

A novembre, Crypto-Blog.IT ha rivelato che Binance avrebbe istituito un quartier generale globale in Irlanda. Ad agosto, sono emerse ulteriori voci secondo cui PayPal stava creando un team di criptovalute sull’Isola di Smeraldo. Se la Bank of Ireland reprimerà il trading di criptovalute per la vendita al dettaglio, Binance e i suoi fratelli potrebbero dover cercare altrove le loro basi operative.

Detestare le risorse digitali

Le banche centrali detestano le criptovalute perché non possono controllarle. Il loro compito è principalmente quello di controllare la politica monetaria e l’economia, che ha un impatto sulla popolazione, sia esso negativo o positivo, la banca centrale è il capo.

Le criptovalute sfidano che, in base alla progettazione, riportano il controllo monetario nelle mani delle persone, non dei banchieri o dei politici che di certo non vogliono facilitare il pubblico di Joe a metterci le mani sopra.Nelle ultime settimane, le banche centrali di Russia, Pakistan e Thailandia hanno criticato le criptovalute, proponendo un divieto totale.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!