Bitcoin emissioni zero: L’impatto carbon neutral della rete BTC è aumentato del 41% da marzo 2021

Un recente studio della società di ricerca Bitcoin Batcoinz ha rivelato che l’impatto a zero emissioni della rete Bitcoin è aumentato del 41% dallo scorso marzo e ha raggiunto il 62%, mentre l’utilizzo di fonti carbon-negative crea un impatto del -4,2% sulla rete Bitcoin emissione di carbone.

Il termine carbon-positivo indica che una fonte di energia rilascia carbonio fornendo energia. Essere carbon neutral o carbon free significherebbe che l’energia viene creata tramite mezzi che non emettono affatto carbonio. D’altra parte, le fonti di energia carbon-negative beneficiano effettivamente delle emissioni complessive di carbonio poiché rimuovono il carbonio dall’atmosfera mentre producono energia.

Emissioni Rete Bitcoin

A marzo 2021, il 59% della blockchain globale di Bitcoin era per il 59% carbon-positivo e solo per il 41% carbon neutral. I numeri sono cambiati drasticamente da allora.

A giugno 2022, la produzione di carbonio della rete globale di Bitcoin è scesa al 38%, mentre il consumo di energia senza emissioni di carbonio ha raggiunto il 58%. Inoltre, l’1,57% della rete ha iniziato a utilizzare fonti carbon-negative, il che ha creato un impatto negativo del 4,2% sull’intensità di carbonio della rete.

Bitcoin vs Oro vs Banche vs Cemento

Vari studi hanno confrontato l’utilizzo di energia di Bitcoin ed i livelli di emissione di carbonio con altri settori importanti e Bitcoin è apparso molto meno dannoso.

Oro

Uno studio pubblicato dalla DePaul University di Chicago ha confrontato l’industria dell’oro e Bitcoin. I risultati hanno mostrato che l’industria dell’oro ha consumato circa 265 terawatt all’ora (TW/h) all’anno e ha rilasciato 145 tonnellate.

In confronto, è stato calcolato che Bitcoin utilizzava 113 TW/h di energia ogni anno e rilasciava nell’atmosfera circa 70 tonnellate di carbonio.

Bancario

Lo stesso studio includeva anche i dati del settore bancario. I numeri hanno mostrato che il consumo energetico annuo del settore bancario è di circa 700 TW/h, mentre rilascia ben 400 tonnellate di carbonio ogni anno.

Cemento

Un altro studio di Arcane Research ha confrontato il consumo energetico dell’estrazione di Bitcoin con la produzione di cemento. I risultati hanno mostrato che l’energia utilizzata per produrre cemento nel 2022 era di 894 TW/h, mentre il mining di Bitcoin ha consumato solo 88 TW/h.

Si prevede che questi numeri aumenteranno a 6.053 TW/h per la produzione di cemento e 4.238 TW/h per l’estrazione di Bitcoin nel 2040.

Twitter Crypto-Blog.IT

Bitcoin più verde

Lo studio di Arcane Research ha anche rivelato che il fabbisogno energetico dell’estrazione di Bitcoin diminuirebbe gradualmente ad ogni dimezzamento (Halving). Il rapporto spiega che il prezzo di Bitcoin aumenterà probabilmente più lentamente del dimezzamento del sussidio di blocco, il che ridurrà il fabbisogno energetico.

A meno che Bitcoin non raggiunga $ 650.000 nel 2040, afferma il rapporto, il consumo di energia di Bitcoin non sarà superiore alle tariffe attuali.

Oltre al naturale calo del fabbisogno energetico, la comunità Bitcoin sta diventando più sensibile ai livelli di emissioni di carbonio. Gli studi hanno rivelato che le fonti di energia rinnovabile sono utili anche per i minatori poiché sono molto più convenienti. Secondo i numeri, il 90% dell’energia idroelettrica, il 40% dell’energia solare e il 75% dell’energia eolica a livello globale sono meno costosi della fonte di carburante più economica.

Adozione senza emissioni di carbonio

Anche le aziende che adottano fonti di energia carbon neutral e carbon negative sono aumentate di numero. L’iniziativa più recente in quest’area è arrivata da Block, Blockstream e Tesla, quando hanno collaborato per costruire una fattoria mineraria senza emissioni di carbonio nel maggio 2022. Un mese prima, Marathon Digital ha annunciato che stava sostituendo le sue fonti di energia con quelle senza emissioni di carbonio.

D’altra parte, il Paraguay sta cercando di attirare i minatori nel suo territorio sostenendo il movimento minerario senza emissioni di carbonio. Il paese ha presentato un disegno di legge all’approvazione del presidente per consentire ai minatori di criptovalute di utilizzare l’energia in eccesso del paese generata dalle sue dighe.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!