La valutazione di Celsius Network potrebbe salire a 10 miliardi di dollari nel 2022 con un round di finanziamento di 750 milioni di dollari

La famosa società di criptovalute, Celsius Network, sta aumentando i suoi finanziamenti di serie B a 750 milioni di dollari dopo che la sua raccolta di fondi iniziale di 400 milioni di dollari di ottobre è stata sottoscritta in eccesso dagli investitori. Lo ha rivelato il CEO dell’azienda Alex Mahinsky in una recente intervista con Blockworks.

Celsius punta ad una valutazione di $ 10 miliardi

Secondo il CEO, la raccolta fondi di ottobre ha portato la valutazione dell’azienda a circa 3,5 miliardi di dollari, che secondo lui potrebbe salire fino a 10 miliardi di dollari entro il prossimo anno a causa dell’esposizione dell’azienda a diversi settori dell’industria blockchain. I fondi appena raccolti saranno destinati ad aiutare l’azienda ad ampliare la propria gamma di prodotti. Allo stesso tempo, l’azienda utilizzerebbe anche i fondi per aiutarla a entrare in nuovi mercati, concentrandosi anche su come migliorare al meglio il suo progetto CelsiusX, un progetto che cerca di costruire un ponte tra finanza centralizzata (CeFi) e finanza decentralizzata ( DeFi).

Parlando del round di finanziamento, Mahinsky è stato citato per aver affermato che l’eccessiva sottoscrizione del round è stata una testimonianza della crescita e del marchio dell’azienda. Ha aggiunto che:

Abbiamo pagato oltre 1 miliardo di dollari alla nostra comunità in termini di rendimento e penso che l’entusiasmo degli investitori nel quasi raddoppiare il round dimostri che la nostra missione di fare bene e poi fare bene sta funzionando e vogliono farne parte

Non solo crypto per Celsius

Sebbene la rete Celsius sia rinomata per i suoi servizi di prestito crittografico, la società ha recentemente rivelato che investirà altri 300 milioni di dollari nelle sue operazioni di mining di BTC in Nord America, portando così tutti i suoi investimenti nello spazio a 500 milioni di dollari solo quest’anno. Ha inoltre rivelato che le monete estratte sarebbero state utilizzate per promuovere la sua attività di prestito.

Oltre alle sue operazioni di mining, l’azienda ha anche recentemente acquisito una piattaforma di custodia crittografica GK8 mentre il CEO dell’azienda si è rifiutato di escludere la possibilità di entrare presto nello spazio dei token non fungibili (NFT).

Fonte