Il CEO di BlockFi afferma che il contratto di credito revolving da 250 milioni di dollari con FTX era parti uguali di una mossa offensiva e difensiva

Ieri, la famosa società di prestito di criptovalute BlockFi ha annunciato una linea di credito revolving da 250 milioni di dollari dall’exchange di criptovalute FTX per rafforzare il suo bilancio e rafforzare la sua posizione nel mercato ribassista.

Sebbene il CEO, Zac Prince, non abbia approfondito i dettagli della linea di credito, ha notato che i proventi assicurerebbero che i clienti riavrebbero i loro fondi se la società fosse stata liquidata durante il tracollo. L’annuncio ha sollevato preoccupazioni e molti si sono chiesti se BlockFi stesse riscontrando problemi di liquidità come altre piattaforme di prestito e perché la società avrebbe bisogno di un prestito che non è destinato all’espansione.

Una mossa offensiva e difensiva

Tuttavia, Prince ha parlato con Bloomberg in un’intervista telefonica, fornendo maggiori dettagli sulla linea di credito. Il CEO di BlockFi ha affermato che il prestito aiuterebbe la società a salvaguardare i fondi dei clienti poiché il mercato continua a rimanere volatile.

Ha affermato che la partnership strategica con FTX era “in parti uguali una mossa offensiva e difensiva”. Ha notato che le persone con “occhi inesperti” penserebbero che BlockFi abbia un modello di business simile ad altre aziende, ma quelli con “occhi allenati” capiscono che “è giorno e notte”.

“Abbiamo ritenuto che fosse una decisione intelligente, offensiva e strategica per BlockFi rafforzare il bilancio con un grande numero e parlarne a tutti”

Prince: Tutto funziona

Il CEO di BlockFi ha affermato che la società ha ancora un ottimo rapporto con tutti i suoi partner bancari. Secondo lui, il prestatore di criptovalute aveva due linee di credito sostenute da Bitcoin con due banche e aveva preso in prestito importi parziali prima del crollo di Terra LUNA. Sebbene la società abbia ancora tali strutture con le banche, l’importo prelevato è attualmente zero.

Ha anche confermato che la scorsa settimana la società ha registrato richieste di prelievo elevate a causa della paura, ma il numero è sceso dell’88% dal suo picco e si prevede che il calo continuerà. A parte questo, ha notato che “tutto funziona come sempre”.

Nel frattempo, Zac Prince ha anche commentato le attuali condizioni di mercato. Crede che ad un certo punto in futuro, quando il mercato delle criptovalute diventerà rialzista, le persone guarderanno indietro e diranno: “è stato un momento fenomenale per comprare”, perché c’è ancora molto potenziale di crescita per le risorse crittografiche.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!