Il CEO di Circle nega l’ultima voce secondo cui USDC sarebbe sull’orlo di un crollo finanziario, affermando che la società si trova nella posizione finanziaria più forte di sempre

Circle, la società blockchain dietro la seconda stablecoin per capitalizzazione di mercato, USDC, ha ribadito la sua posizione finanziaria positiva in mezzo a una voce che chiamava la società sull’orlo del collasso. Mentre i rapporti sono diventati virali, il CEO Jeremy Allaire ha presentato documenti dettagliati sull’ultimo stato dell’azienda in materia di trasparenza e fiducia, audit e attestazioni, nonché sullo stato della liquidità dell’USDC.

Smentite la voce

Il thread di Allaire su Twitter è arrivato in risposta a una voce in corso da un utente di Twitter, Geralt Davidson, secondo cui Circle ha perso miliardi di dollari nel corso degli anni poiché ha iniettato incentivi elevati per le banche orientate alle criptovalute come Signature e Silvergate per convertire i loro depositi in contanti in USDC.

Inoltre, i prestiti USDC, essendo esposti a società in difficoltà come Genesis, BlockFi, Celsius, Galaxy e 3AC, hanno messo Circle a rischio di una corsa agli sportelli poiché miliardi di USDC non verranno restituiti in tempo, ha aggiunto Davidson. Durante il violento ritiro del mercato, molte società di prestito e prestito di criptovalute sono cadute preda di una crisi di liquidità che si è presto diffusa in tutto il settore, causando alle aziende la denuncia di insolvenza. Vale la pena notare che USDC è una delle criptovalute più popolari utilizzate per attività di prestito.

In risposta, Allaire ha chiarito la confusione relativa al rapporto tra riserve e USDC che viene utilizzata nei mercati dei prestiti:

 È comprensibile il motivo per cui alcuni utenti sarebbero paranoici data la storia dei venditori ambulanti nelle criptovalute. Abbiamo sempre cercato di attenerci agli standard più elevati che ci consentiamo. Questo ci ha permesso di lavorare con autorità di regolamentazione, società di assicurazione di alto livello e importanti FI.

Per sostenere ulteriormente il suo punto, ha pubblicato gli ultimi documenti di Circle sulle questioni di liquidità dell’USDC e sul suo stato in termini di trasparenza e fiducia. I registri rilevavano che la riserva USDC è interamente detenuta in contanti e obbligazioni del governo statunitense a breve termine, costituite da titoli del tesoro statunitensi con scadenze pari o inferiori a 3 mesi:

“A partire dalle 12:00 EST di venerdì 13 maggio 2022, la riserva dell’USDC era composta da $ 11,6 miliardi di contanti (22,9%), $ 39,0 miliardi di US Treasury (77,1%), per un totale di $ 50,6 miliardi (100%) e c’erano 50,6 miliardi di USDC in circolazione”

Secondo Circle, la riserva USDC non contiene altre attività digitali ad alto rischio, attività denominate in valute diverse dal dollaro USA o attività detenute presso terzi soggette a lock-up o altre restrizioni sulla liquidità. Cercando una quotazione pubblica alla Borsa di New York, Circle ha affermato di aver lavorato a stretto contatto con le autorità di regolamentazione e che i suoi ultimi due audit annuali pubblicati saranno inclusi come parte dei suoi documenti SEC.

Allaire ha aggiunto che Circle condividerà un post sul blog questa settimana su Circle Yield, il prodotto di tasso di interesse di rendimento della società basato interamente sulla stablecoin USDC, fornendo maggiore trasparenza in merito al suo stato normativo e all’eccessiva collateralizzazione. Tuttavia, il rapporto sarà disponibile solo per investitori accreditati.

Twitter Crypto-Blog.IT

Una risposta simile da Tether

Secondo quanto riferito, la principale rivalità dell’USDC, la stablecoin USDT di Tether è stata presa di mira dagli hedge fund in seguito al fiasco di Luna-UST a causa delle controversie sulla trasparenza degli asset di Tether nelle riserve.

A maggio, Tether ha pubblicato un rapporto in cui conferma che la sua stablecoin è completamente supportata da liquidità, attività liquide e altri investimenti. Il CTO della società ha risposto definendo la mossa un attacco coordinato, aggiungendo che coloro che vendono allo scoperto USDT alla fine dovranno riacquistare la stablecoin.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!