Il CEO di Google, Pichai, vede un enorme potenziale nella tecnologia blockchain che vorrebbe sfruttare

Sundar Pichai, amministratore delegato della società madre di Google, Alphabet Inc., ha rivelato di monitorare da vicino l’industria blockchain e l’universo del Web3. Trova entrambi “eccitanti” e ha ammesso che la sua azienda è concentrata sul muoversi in quella direzione.

È qualcosa che vogliamo utilizzare

Nella sua apparizione più recente, l’indiano di 49 anni ha parlato della spina dorsale dell’industria delle criptovalute: la tecnologia blockchain. Pur sottolineando che una quantità considerevole di aziende della Silicon Valley ha già abbracciato Web3 e blockchain, Pichai ha affermato che anche la sua organizzazione si sta orientando in questo modo:

“Ogni volta che c’è innovazione, la trovo eccitante. Penso che sia qualcosa che vogliamo supportare nel miglior modo possibile”

Il dirigente ha anche sottolineato i meriti della tecnologia blockchain. A suo avviso, è “interessante, potente” e il suo concetto sta alla base di numerose applicazioni.

Questa non è la prima posizione pro-crypto mostrata da Alphabet. Nel novembre dello scorso anno, il magnate di Internet ha investito 1 miliardo di dollari nella società di scambio di futures Chicago Mercantile Exchange quando le due parti hanno concordato una collaborazione decennale.

CME offre servizi bitcoin regolamentati ed è da tempo un sostenitore del settore degli asset digitali. È salito sul carro nel 2017 lanciando il trading di futures BTC per i suoi clienti.

Negli anni successivi, CME ha facilitato accordi per numerose istituzioni giganti, come BlackRock, il principale gestore di asset digitali al mondo. Non molto tempo fa, CME ha raddoppiato i suoi sforzi nel campo delle criptovalute introducendo contratti Micro Ether Future.

Le incursioni crittografiche di Google

A gennaio di quest’anno, il più grande motore di ricerca del mondo ha rivelato i piani per consentire agli utenti di archiviare le criptovalute nelle carte digitali. La società ha affidato l’iniziativa ad Arnold Goldberg, un ex dirigente di PayPal.

Alla fine del mese scorso, la divisione dei servizi di archiviazione dati online di Google, Google Cloud, ha creato un team di risorse digitali. La nuova unità intende utilizzare la tecnologia blockchain per offrire opportunità di creazione, transazione, archiviazione di valore e lancio di prodotti nel cloud.

Google ha affermato che lo spazio delle criptovalute si è notevolmente evoluto. In quanto società basata sull’innovazione e lo sviluppo, non vuole restare indietro rispetto a quella parte di una rivoluzione tecnologica, ha spiegato il team:

“Siamo ispirati dal lavoro già svolto nello spazio delle risorse digitali dai nostri clienti e non vediamo l’ora di fornire l’infrastruttura e le tecnologie per supportare ciò che è possibile con le tecnologie blockchain in futuro”

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!