Secondo il rapporto di Chainplay “State of GameFi “, la maggior parte degli investitori si unisce alle criptovalute per trarre profitto dal GameFi

Il recente rapporto di Chainplay, lo Stato del GameFi, ha rivelato che 3 investitori su 4 si uniscono alle criptovalute per trarre profitto dal GameFi e il 68% degli investitori GameFi esistenti si è unito al mercato nell’ultimo anno.

Un totale di 2428 investitori GameFi da tutto il mondo hanno aderito al sondaggio di Chainplay. La maggior parte di loro (51%) ha affermato che la motivazione principale per entrare a far parte di GameFi è realizzare un profitto, mentre il 43% delle intervistate ha affermato di investire in GameFi per curiosità.

I risultati sul GameFi

Oltre al 51% che ha dichiarato di aver realizzato un profitto, un altro 19% ha dichiarato di essere solo curioso, il 18% ha dichiarato di essere interessato al gameplay e l’8% ha dichiarato che era divertente.

D’altra parte, la GenZ appare come la più aperta alla GameFi tra tutte le fasce d’età. Il sondaggio rivela che gli investitori della GenZ destinano il 52% del loro patrimonio netto a progetti GameFi. Quasi tutti gli investitori (81%) hanno affermato di dare la priorità al fattore divertimento rispetto all’offerta di profitti significativi.

Twitter Crypto-Blog.IT

Profitti in calo

Anche se il GameFi svolge un ruolo significativo nell’attrarre investitori nel settore, il sondaggio rivela anche che il profitto generato da GameFi è diminuito negli ultimi sei mesi. Mentre l’89% dei partecipanti ha ammesso una diminuzione dei profitti, il 62% ha affermato di aver perso più della metà dei propri guadagni da GameFi durante i sei mesi precedenti.

Quando ai partecipanti sono state chieste le ragioni del calo dei profitti, la maggioranza (58%) degli intervistati ha convenuto che la cattiva progettazione dell’economia di gioco è la ragione principale. Un altro 21% ha accusato la diminuzione del prezzo dei gettoni premio, mentre il 15% ha affermato che la bolla del settore dei giochi blockchain è scoppiata. Solo il 6% ha indicato il calo delle prestazioni di Bitcoin a causa dell’attuale mercato invernale.

Oltre al calo dei profitti, il tempo che gli investitori dedicano a GameFi è diminuito rispetto al 2021. Nel 2022, gli investitori hanno affermato di aver speso una media di 2,5 ore al giorno, il 43% in meno rispetto alle 4,4 ore registrate nel 2021.

Turn-off degli investitori

Gli investitori partecipanti hanno identificato cinque ragioni che impediscono loro di partecipare a GameFi. Il sondaggio ha rivelato che la più grande svolta degli investitori sono state le attività criminali come i rug pulls e gli schemi Ponzi, come ha sottolineato il 73%.

Un altro 42% ha affermato che a volte le missioni sono troppo ripetitive e più simili a un lavoro di routine che a un gioco, mentre il 33% ha affermato che il processo di gioco è stato del tutto noioso. Più di un quarto (29%) ha accusato la scarsa redditività e un altro 28% ha affermato che una grafica scadente ha impedito agli investitori di investire in GameFi.

Driver chiave

Nonostante il calo dei profitti e i principali turn-off degli investitori, i partecipanti al sondaggio potrebbero ancora identificare quattro fattori critici per GameFi nel 2022. Quasi la metà (44%) ha affermato che il settore GameFi è cresciuto perché le società di gioco tradizionali si sono unite al settore.

Un altro 28% ha affermato che la comparsa di giochi AAA ha spinto il settore verso l’alto, mentre il 15% e il 13% hanno affermato che la crescita delle criptovalute e dei finanziamenti delle istituzioni sono stati rispettivamente il motivo principale.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!