La Cina vuole regolamentare gli NFT: La nuova iniziativa è arrivata in risposta alle associazioni bancarie e finanziarie

I giganti della tecnologia cinese si uniscono agli sforzi sostenuti dallo stato nella regolamentazione degli oggetti da collezione digitali esprimendo sostegno all’iniziativa di autodisciplina che garantisce controlli di identità sugli utenti, aderisce al divieto del paese sulla criptovaluta e previene la speculazione di risorse digitali.

I giganti della tecnologia chiedono aiuto alle autorità

Secondo la dichiarazione della China Cultural Industry Association, un’organizzazione controllata dallo stato, l’iniziativa ha ottenuto il sostegno di giganti tecnologici nazionali come Tencent Holdings, Alibaba’s Ant Group, JD.com e Baidu, che hanno tutti un profondo coinvolgimento con gli oggetti da collezione digitali nel paese.

Nota per la sua posizione anti-cripto, la Cina si riferisce ai Non-Fungible-Tokens (NFT) come oggetti da collezione digitali, che supportano solo la moneta legale del paese, Yuan, come valuta di regolamento. L’iniziativa ribadisce tale posizione e invita i giganti a seguire una serie di linee guida per assistere gli sforzi normativi.

In base ai 14 articoli introdotti dall’iniziativa, le piattaforme digitali da collezione dovrebbero detenere certificazioni normative pertinenti, rafforzare la protezione della proprietà intellettuale, sostenere l’autenticazione del nome reale ed evitare di creare mercati secondari destinati a scopi speculativi.

South China Morning Post, di proprietà di Alibaba, ha citato una fonte acquisita dall’industria blockchain in Cina, affermando che l’iniziativa non rappresenta la posizione del governo. Piuttosto, è un tentativo guidato dal settore di rispondere alle precedenti linee guida emesse dalle associazioni di settore gestite dal governo, con l’obiettivo di vietare la finanziarizzazione di oggetti da collezione digitali attraverso titoli, assicurazioni, prestiti e metalli preziosi.

Twitter Crypto-Blog.IT

L’ascesa degli oggetti da collezione digitali in Cina

Nonostante gli avvertimenti emessi dal governo sul rischio degli oggetti da collezione digitali, il numero di piattaforme nazionali che offrono servizi in tale commercio è cresciuto di cinque volte da febbraio a giugno.

Nel frattempo, le aziende tecnologiche che entrano in questo settore delicato in Cina rimangono di basso profilo, poiché hanno cercato di non oltrepassare la linea rossa come dettato dalle autorità. Come previsto, tutti hanno evitato di usare il termine NFT per descrivere oggetti da collezione digitali, poiché le autorità di regolamentazione tendono a collegare gli NFT con le speculazioni sulle criptovalute.

Tencent e Ant Group hanno blockchain private e autorizzate separate dai mercati NFT globali, per lo più costruite su blockchain di livello uno come Ethereum, Solana, Flow, ecc. In conformità con il controllo normativo pertinente, le piattaforme consentono ai proprietari di trattare i loro beni solo come regali digitali assenti dalle speculazioni finanziarie.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!