Le dApp centralizzate di Ethereum: Gli Stati Uniti gestiscono il 47% dei nodi Ethereum, con circa il 33% che passa attraverso Amazon AWS

Un vivace dibattito su Reddit Friday ha fatto riemergere la discussione sul fatto che l’infrastruttura informatica costruita su Ethereum sia troppo centralizzata. Secondo i dati on-chain, circa il 32% di tutti i nodi Ethereum opera su server Amazon AWS. Tuttavia, Amazon afferma che il numero è più vicino al 25%.

Il co-fondatore di Morgan Creek Anthony Pompliano ha aumentato la consapevolezza del problema nel 2020 quando ha twittato:

Jeff Bezos potrebbe chiudere la maggior parte… delle app DeFi basate su Ethereum semplicemente spegnendo AWS

Non sei decentralizzato se fai girare i server con lo zio Jeff!

Dal 2020 poco è cambiato per quanto riguarda il miglioramento del decentramento dei nodi all’interno di Ethereum. Tuttavia, il tweet di Pomp non è del tutto accurato.

Twitter Crypto-Blog.IT

La centralizzazione di Ethereum

L’immagine sotto, mostra la percentuale di nodi Ethereum ospitati in esecuzione su AWS. A prima vista, questo sembra molto preoccupante in quanto va contro la narrativa del decentramento in Ethereum.

Tuttavia, il grafico ignora i nodi in esecuzione su macchine private anziché server ospitati nel cloud. I fornitori di servizi di hosting facilitano circa il 67% di tutti i nodi e il 29% si trova in contesti residenziali.

È interessante notare che una statistica che non viene comunemente analizzata è che oltre il 50% dei nodi residenziali passa attraverso una manciata di provider Internet con sede negli Stati Uniti. Pertanto, Verizon, Comcast, Spectrum e AT&T costituiscono il 51% dei nodi Ethereum non ospitati.

Percentuale ETH

Pertanto, Amazon, Verizon, AT&T, Spectrum e Comcast facilitano circa il 47% di tutti i nodi sulla rete Ethereum. Questa percentuale corrisponde alla distribuzione totale di Ethereum negli Stati Uniti. Gli Stati Uniti gestiscono quasi 5 volte il numero di nodi rispetto ad altri paesi; il prossimo più alto in Germania con l’11%.

Con il 47%, questo è precariamente vicino al numero magico spesso citato del 51% richiesto per abbattere una rete. Se un attore malintenzionato accedesse ai nodi con mezzi nefasti in un attacco che coinvolge queste cinque società statunitensi, sarebbe in grado di causare danni alla rete.

Tuttavia, come Dankrad Fried, ricercatore presso la Ethereum Foundation, un attacco del 51% non dà a un attaccante il controllo assoluto. Possono ancora causare seri problemi;

“Possono impedirti di usare la catena… [e] ripristinare la catena, ovvero annullare un certo numero di blocchi e modificare l’ordine delle transazioni in essi contenuti”

Un attacco del 51% non può prendere monete dai portafogli o coniare nuove monete, ma il ripristino delle transazioni può portare a una doppia spesa, il che è una preoccupazione significativa.

Il proof-of-stake risolverà il problema?

La fusione di Ethereum Beacon Chain è l’ultimo passo nel passaggio al proof-of-stake per la rete. Secondo la documentazione, l’evento dovrebbe portare a un ecosistema più decentralizzato. Ci sono oltre 400.000 validatori già in esecuzione su Ethereum, ognuno dei quali punta circa 32 Ethereum.

Tre pool costituiscono oltre il 50% di tutti gli ETH in staking sulla Beacon Chain; Coinbase, Lido e Kraken. Un rischio simile può essere attribuito a questi pool poiché gli staker delegano ETH ai pool per rimuovere il minimo di 32 ETH per “sbloccare un set di chiavi di convalida”. Il pooling non è disponibile in modo nativo sulla catena, il che ha portato a protocolli di staking-as-a-service per aiutare a soddisfare le esigenze degli investitori più piccoli.

Pool Ethereum

Amazon AWS in Ethereum

Nel 2021 Amazon ha lanciato Ethereum sul suo servizio Amazon Managed Blockchain per consentire agli utenti di attivare un nodo Ethereum in pochi minuti. La familiarità di AWS e la sua integrazione esistente in molti processi Internet hanno reso questa esperienza semi-senza attriti per gli sviluppatori.

Un nodo è parte integrante di qualsiasi dApp e il desiderio che sia affidabile, sicuro e robusto è una priorità assoluta per qualsiasi progetto. Amazon AWS ha ottenuto la fiducia e il rispetto delle più grandi aziende del mondo nel web 2 e ora sta cercando di creare immobili simili nel web 3.

La percentuale di nodi ospitati in esecuzione su Amazon AWS è diminuita di circa il 3% dal 2020, ma conserva ancora una parte significativa con poca concorrenza. Le prossime aziende web3 come Alchemy, Ankr e altre offrono un’offerta node-as-a-service che potrebbe teoricamente competere con Amazon.

Tuttavia, molti di questi servizi utilizzano anche Amazon AWS, che riduce il loro impatto sulla decentralizzazione. Aziende come Gateway.fm stanno cercando di offrire un’infrastruttura server bare metal per aggirare il problema AWS, ma sono nelle prime fasi di sviluppo.

L’uso di AWS non offre un rischio intrinseco alla fattibilità della blockchain di Ethereum. Tuttavia, crea una minaccia nel caso in cui le entità centralizzate vengano attaccate per distribuire la rete e causare gravi interruzioni.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!