Economist Intelligence Unit analizza la crescente adozione delle criptovalute: il secondo rapporto di indagine annuale dell’Economist Intelligence Unit ha condotto un’analisi comparativa con il suo precedente rapporto per esplorare diverse tendenze uniche che modellano la crescente accettazione delle criptovalute in tutti i settori

.

Sebbene le criptovalute sono in circolazione da un po ‘di tempo, nell’ultimo anno si è materializzato un aumento stratosferico del loro utilizzo, principalmente a causa della pandemia. Poiché sempre più aziende accettano prontamente la valuta digitale come pagamento per beni e servizi, il numero di transazioni crittografiche è aumentato in modo significativo.

L’aumento dell’uso delle criptovalute a causa del COVID-19

Per capire cosa sta guidando questo cambiamento e ricavare dati fruibili, l’Economic Intelligence Unit (EIU),  leader mondiale nella business intelligence globale, ha condotto un sondaggio sui consumatori in Nord America e Asia ed Europa. Soprannominato “Digimentalità: paura e favore della valuta digitale”, il rapporto annuale pubblicato dall’IUE ha sottolineato diverse nuove tendenze dopo aver eseguito un’analisi comparativa dettagliata con il suo sondaggio del 2020. I risultati rivelano che l’uso di valute e transazioni digitali è aumentato notevolmente rispetto all’anno precedente.

Un totale di 3.053 consumatori, principalmente nella fascia di età 18-38 anni, provenienti da paesi sviluppati, come Francia, Regno Unito, Stati Uniti, Australia, Singapore e Corea del Sud, e paesi in via di sviluppo, come Filippine, Sud Africa, Vietnam, Brasile e la Turchia ha partecipato al sondaggio. Oltre ai consumatori, parte del rapporto ha anche ricavato dati da un altro studio su 200 investitori istituzionali e professionisti della gestione della tesoreria aziendale con sede negli stessi paesi.

Recensiti da Henri Arslanian, Global Crypto Leader di PwC, e Mathew McDermott, Managing Director e Global Head of Digital Assets di Goldman Sachs, i punti salienti del rapporto includono:

  • A causa delle norme sul distanziamento fisico implementate durante il COVID-19, quasi l’81% dei partecipanti ha convenuto di poter vedere il proprio paese diventare gradualmente un’economia senza contanti, rispetto al 72% nel 2020.
  • I consumatori favoriscono sempre più le transazioni digitali, quasi il 46% dei consumatori intervistati ha convenuto che il COVID-19 ha aumentato il caso d’uso delle valute/asset digitali.

Vedendo questo forte aumento nell’accettazione delle criptovalute nella vita quotidiana, Henri Arslanian ha commentato:

“Questo è un momento così cruciale nella storia e nel futuro del denaro e ci sono stati un paio di catalizzatori ad esso, e uno di loro era il COVID-19”

L’ascesa inarrestabile dei pagamenti digitali

In termini di consapevolezza del cliente, le criptovalute sono rimaste la scelta di valuta digitale più nota. Oltre il 55% dei consumatori intervistati nel 2021 ammette di essere a conoscenza ma di non aver mai posseduto o utilizzato una criptovaluta.

  • Del totale dei partecipanti, il 27% ha dichiarato di preferire i pagamenti digitali anziché la valuta fiat o le carte di credito. In confronto, il 41% ha affermato di aver utilizzato valute digitali per almeno la metà dei propri acquisti, rispetto al solo il 22% del 2020.
  • Il 18% dei sondaggi ha affermato di utilizzare criptovalute open source (Bitcoin, Ethereum, ecc.), seguito da vicino dal 12% dei consumatori che utilizza CBDC emessi dal governo e dal 10% che utilizza qualsiasi altra valuta digitale emessa da un’entità verificata.
  • Il rapporto 2021 chiarisce ulteriormente che il 17% dei partecipanti ha affermato di aspettarsi che il proprio paese diventi senza contanti entro un anno o due, rappresentando un aumento rispetto all’anno precedente.

Rimarcando le risposte dei consumatori, Mathew McDermott aggiunge:

“Man mano che sempre più persone adottano e hanno accesso ai portafogli digitali, puoi notare che il numero di coloro che hanno accesso e investono in criptovalute continua ad ampliarsi”

Fonte: CryptoSlate

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!