Enorme volatilità del Bitcoin: Il prezzo BTC è salito sopra i 20.000$ prima di scendere verso i 19.000$ con l’arrivo dei dati CPI di giugno

I numeri dell’inflazione negli Stati Uniti sono per giugno e continuano a salire. Con questo, anche il prezzo di Bitcoin sta subendo una maggiore volatilità mentre i numeri entrano in gioco.

I dati del Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti hanno rivelato che l’indice dei prezzi al consumo per tutti i consumatori urbani è aumentato dell’1,3% – destagionalizzato e del 9,1%% negli ultimi 12 mesi – senza destagionalizzazione. L’indice per tutti gli articoli meno cibo ed energia è aumentato dello 0,7% a giugno (SA); in crescita del 5,9% nel corso dell’anno (NSA).

Per chi non lo sapesse, l’indice dei prezzi al consumo (CPI) è l’indicatore più comune per l’inflazione negli Stati Uniti, poiché misura la variazione media nel tempo dei prezzi che i consumatori urbani pagano per un paniere di mercato di servizi e beni di consumo. In qualche modo, questo ha anche causato turbolenze nel mercato delle criptovalute. Il prezzo di BTC è aumentato a $ 20.126,39 per un breve momento e poi è sceso a $ 19.100, nel momento della scrittura di questo articolo.

BTC inflazione 9%

L’ampiezza di questa candela è al 4%, indicando una certa volatilità grave. Al momento della scrittura, le liquidazioni totali della giornata sono di circa $ 180 milioni, di cui $ 47 milioni sono avvenuti nell’ultima ora, secondo i dati di Coinglass.

Fonte

Twitter Crypto-Blog.IT

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!