Euro digitale come moneta a corso legale: Fabio Panetta ha affermato che nei prossimi 24 mesi la Bce esaminerà come rendere a corso legale la versione digitale dell’euro

Fabio Panetta, Membro del Comitato Esecutivo della Banca Centrale Europea, ha dichiarato che la versione digitale dell’euro basata sulla tecnologia blockchain potrebbe diventare una moneta a corso legale all’interno della zona europea.

L’Euro digitale

Come riportato da Bloomberg, l’economista italiano e membro della BCE, Fabio Panetta, ha accennato all’iniziativa durante il meeting europeo ad Helsinki, in Finlandia. Ha affermato che se la Banca centrale europea procederà con i suoi sforzi per lanciare una valuta digitale, la nuova forma di denaro avrà tutte le possibilità di diventare a corso legale all’interno dei confini dell’UE. Panetta ha aggiunto che le autorità esamineranno a fondo l’impresa nei prossimi due anni. Tuttavia, l’italiano ha affermato che il raggiungimento di una tale mossa “non dovrebbe essere dato per scontato” e l’istituto finanziario deve essere estremamente cauto.

La scorsa settimana, si è opposto all’argomento secondo cui l’euro digitale sarà “ridondante” tra altre valute alternative poiché la BCE mirerà a rendere il suo CBDC conveniente e a garantirne l’usabilità. Quest’ultimo parte è vitale in quanto potrebbe prevedere un’adozione più diffusa tra la popolazione. L’economista italiano ha aggiunto che la valuta digitale della banca centrale sarà “abbastanza attraente” da catturare l’attenzione della società.

Durante l’evento, Elvira Nabiullina, il capo della Banca di Russia, ha concordato con Panetta su come dovrebbe apparire una valuta digitale della banca centrale. Alcuni mesi fa, ha affermato che i CBDC, che lavorano sotto il controllo del governo, rappresenteranno il futuro della rete finanziaria. D’altra parte, è una feroce critica delle risorse digitali private, che a suo parere sono altamente volatili e gli investitori potrebbero perdere “somme colossali”.

L’euro digitale potrebbe essere più green di Bitcoin

All’inizio di quest’anno, la Banca centrale europea ha evidenziato i suoi piani per avviare una fase di indagine di un progetto sull’euro digitale che durerà 24 mesi. Durante il periodo di prova, il dipartimento di ricerca della Bce mirerà ad affrontare questioni chiave relative alla progettazione e alla distribuzione poiché la versione digitale dell’euro deve essere in grado di soddisfare le esigenze degli europei. Inoltre, la CBDC dovrebbe prevenire le attività illecite ed evitare qualsiasi impatto indesiderato sulla stabilità finanziaria e sulla politica monetaria.

Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea, ha affermato che il prodotto finanziario dovrebbe essere “la forma di denaro più sicura“. Ultimo ma non meno importante, la BCE ha promesso che il consumo di energia dell’euro digitale sarebbe stato “trascurabile” rispetto a quello di bitcoin. Vale la pena ricordare, tuttavia, che le valute digitali della banca centrale e la criptovaluta primaria sono risorse significativamente diverse. Un CBDC è una versione digitale della valuta fiat di una nazione in cui la Banca centrale ha ancora il controllo completo. Manca qualsiasi tipo di decentramento in quanto esiste un’unica autorità che sta plasmando la politica monetaria e la regolamentazione.

Bitcoin, d’altra parte, è l’esatto contrario, motivo per cui molti credono che l’emergere di un CBDC potrebbe spingere le persone verso BTC ancora di più.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!