Come evitare le insidie degli investimenti cripto? I personaggi di spicco del settore condividono i propri consigli durante questa recessione

Quando si pensa al crash delle criptovalute, viene in mente l’espressione 20/20. Dal picco di novembre 2021, la capitalizzazione di mercato totale delle criptovalute è scesa di circa il 70% in valore e gli investitori in criptovalute, indipendentemente da quanto presto hanno acquistato, stanno soffrendo.

Verena Ross, presidente dell’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA), ha affermato che gli investitori dovrebbero considerare il crollo una “lezione cautelativa” per investire denaro in attività non regolamentate, secondo il FT.

“Penso che ci sia una vera domanda se molti di queste risorse crittografiche sopravviveranno. Spero che alcuni investitori vedano e prendano una lezione cautelativa almeno per pensare a quanto dei loro soldi investono in questo tipo di attività”

Ross ha sottolineato che l’ESMA aveva avvertito gli investitori al dettaglio all’inizio di quest’anno dei gravi rischi connessi agli investimenti in criptovalute, il che implica che le perdite finanziarie dovute alla recessione sono autodeterminate.

Sebbene ci sia un elemento di verità in questo, c’è anche un’eccessiva semplificazione della questione per diversi motivi. Per uno, anche le attività regolamentate stanno registrando una tendenza al ribasso in questo momento. E un fascino significativo dell’investimento in asset digitali risiede nel suo spirito anti-autorità, che è qualcosa che trascende l’azione dei prezzi a breve termine.

Tuttavia, il prezzo rimane il parametro principale per misurare il successo o il fallimento, e anche i più fedeli sostenitori delle criptovalute sentiranno il dolore dove fa male, nel loro tracker di portafoglio.

Twitter Crypto-Blog.IT

I leader del settore condividono i loro pensieri sul crollo delle criptovalute

Russell Starr, CEO di Valour, società di criptovalute Exchange Traded Products (ETP), ha avvertito che gli schemi per arricchirsi rapidamente non funzionano. Ha ampliato questo aspetto dicendo che gli utenti dovrebbero avvicinarsi agli investimenti in criptovalute in modo più maturo, specialmente quando eseguono un’adeguata due diligence.

Tutti i mercati si muovono in cicli e basare una strategia di investimento su proiezioni di crescita ottimistiche è destinato a fallire a un certo punto, ha affermato Starr. Stando così le cose, il recente crash ha messo in evidenza l’importanza di riconoscere che i mercati delle criptovalute, come tutti i mercati, si muovono in cicli.

“La recente flessione servirà da campanello d’allarme per molti investitori: quella cripto, nonostante abbia ampia pista e spazio per crescere, è ancora soggetta alle stesse condizioni di mercato cicliche di tutti gli altri asset”

Starr ha firmato dicendo che la lezione chiave da accettare è di regnare nell’accettazione del rischio ed essere soddisfatto di rendimenti sostenibili realistici. Garry Krugljakow, fondatore e CEO di GOGO Protocol e 0VIX, ha inviato un messaggio simile a Starr, affermando che l’aspettativa che i mercati continueranno a salire per sempre è sbagliata.

Krugljakow ha anche sottolineato che le variabili di mercato in rapida evoluzione spesso non tengono conto della salute del mercato, cogliendo gli investitori alla sprovvista. Completando questo con un esempio, Krugljakow ha affermato che, nel caso della DeFi, i modelli disponibili (per la valutazione del rischio e l’analisi della salute) non valutano spesso il “solvibilità” di un utente, il che può portare a una sovraesposizione.

Se restringiamo l’ambito alla DeFi, ad esempio, sappiamo che la salute e la stabilità del sistema di prestito dipendono dal valore delle garanzie fornite dai mutuatari, ma, mentre la valutazione del rischio associata alle fluttuazioni dei prezzi delle attività è migliorata, i modelli spesso non riescono a affrontare la capacità degli utenti di prestare e prendere in prestito più risorse.

Il quadro macroeconomico

Intervenendo con l’analisi degli investitori, Michael Rosmer, CEO e co-fondatore di DeFiYield, ha affermato che il tempismo del mercato di solito è uno sforzo infruttuoso.

Ribadendo l’adagio che le performance passate non predicono i movimenti futuri, Rosmer ha sottolineato che, a differenza dei cicli precedenti, il recente mercato rialzista non si è concluso con un picco di blow-off. Dando così agli investitori che osservano questo un falso senso di sicurezza. La lezione qui è mettere da parte le aspettative radicate del mercato.

“La gente credeva anche che avremmo visto un top di scarico, perché era successo nei cicli precedenti. Ma bisogna capire che non sempre i mercati si comportano in base a ciò che le persone si aspettano e per cui si preparano, quindi spesso è improbabile che ciò che le persone si aspettano accada”

Portando l’inflazione, Rosmer ha commentato che gli investitori presumevano erroneamente che l’aumento dell’inflazione equivalesse all’aumento dei prezzi delle attività. Tuttavia, come stiamo assistendo ora, l’aumento dell’inflazione ha portato a movimenti aggressivi da parte delle banche centrali ea una performance scadente dei prezzi delle attività.

Per completare i suoi suggerimenti, Rosmer ha consigliato agli investitori di essere consapevoli dell’euforia dei prezzi, poiché lo considera un indicatore principale di un mercato eccessivamente caldo. Durante tali periodi, il gioco intelligente sarebbe quello di ridurre la propria esposizione al rischio.

“Imparare a invertire i cicli e pensare al rischio quando il mercato è in ribasso e in rialzo, a ridurre il rischio quando il mercato è in rialzo e a rischio di ribasso e notare l’elevata correlazione con il mercato azionario generale”

Bitcoin è la principale criptovaluta per un motivo

Bitcoin è generalmente andato meglio degli alt, perdendo circa il 70% del suo valore dal suo massimo storico di novembre 2021 (ATH). Al contrario, i perdenti a grande capitalizzazione significativi includono Solana e Algorand, rispettivamente in calo dell’87% e del 92% rispetto agli ATH.

Per quanto riguarda le lezioni da seguire, Max Keizer ha affermato che “non c’erano nuove lezioni”, nel senso che gli investitori avrebbero dovuto già imparare dai precedenti crolli. Tuttavia, ha avvertito che individui senza scrupoli continueranno a prendere di mira “una nuova generazione di ingenui, avidi, idioti”.

Per questo motivo, Keizer non approva prodotti DeFi complessi e ad alto rendimento o alternative in generale. Invece, l’unico modo per “sfuggire alla follia” e proteggersi è restare con l’autocustodia Bitcoin e hodl, ha detto Keiser.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!