Gemini si espande in Irlanda: L’exchange di criptovalute, si espande in Europa ricevendo una licenza aggiuntiva dalla Banca Centrale d’Irlanda

Gemini è ufficialmente il primo Virtual Asset Service Provider (VASP) ad essere approvato dalla Banca Centrale d’Irlanda. L’approvazione arriva poco dopo aver ricevuto una licenza di operatore di moneta elettronica dall’autorità di regolamentazione irlandese.

Con l’approvazione combinata di un VASP e di una licenza di moneta elettronica, l’exchange di criptovalute con sede negli Stati Uniti offrirà i suoi servizi di custodia e scambio ai clienti con sede in Irlanda. Nel novembre del 2021, Gemini ha mostrato il suo impegno ad espandersi in tutta Europa aprendo un ufficio a Dublino e assumendo Gillian Lynch come capo dell’Irlanda e dell’UE.

In un post ufficiale che annunciava l’espansione, Gillian ha ribadito l’impegno dell’azienda a rispettare le normative stabilite per proteggere i propri clienti.

“Gemini è stato fondato sull’etica di chiedere il permesso, non il perdono. Fin dal primo giorno, Gemini ha collaborato con le autorità di regolamentazione di tutto il mondo per contribuire a definire una regolamentazione ponderata che protegga i consumatori e promuova l’innovazione”

Il rapporto di Gemini con i regolatori

L’exchange guidato di Cameron e Tyler Winklevoss Gemini è una delle poche società di criptovalute che sostiene apertamente gli sforzi normativi nello spazio.

In una campagna pubblicitaria del 2019 tenutasi a New York, con lo slogan Revolution Need Rules, la società ha affermato che gli interessi degli investitori dovrebbero essere protetti seguendo le normative e adottando le migliori pratiche standard per il mercato delle criptovalute.

Commentando durante la campagna, Chris Roan, Head of Marketing di Gemini, ha dichiarato:

“Riteniamo che gli investitori che entrano nella criptovaluta meritino le stesse protezioni degli investitori nei mercati più tradizionali, aderendo agli stessi standard, pratiche, regolamenti e protocolli di conformità”

In quanto piattaforma di scambio di criptovalute regolamentata, Gemini offre una gamma limitata di criptovalute per il trading e ha ricevuto tutta la licenza necessaria per il loro funzionamento.

Ciononostante, ultimamente Gemini sembra essere dalla parte opposta rispetto ai regolatori statunitensi. La Commodity Futures Trading Commission (CFTC) degli Stati Uniti ha citato in giudizio l’exchange per aver rilasciato dichiarazioni fuorvianti nelle conversazioni tenute durante la presentazione di un contratto futures Bitcoin nel 2017.

La commissione ha affermato che Gemini ha omesso intenzionalmente fatti su come il contratto futures Bitcoin potrebbe essere potenzialmente manipolato. In opposizione alla pretesa, lo scambio ha deciso di combattere la querela. Nel frattempo, notizie recenti suggeriscono che Gemini non è escluso dal caldo dell’inverno crittografico.

Un rapporto di TechCrunch mostra che l’exchange avrebbe eseguito la sua seconda fase di licenziamento, che ha colpito 68 dipendenti. La follia dei licenziamenti è iniziata all’inizio di giugno quando ha ridotto la sua forza lavoro del 10% per ridurre i costi a seguito dell’impatto dell’inverno delle criptovalute.

Durante l’annuncio, i fondatori di Gemini Cameron e Tyler hanno notato che le condizioni turbolente del mercato delle criptovalute potrebbero persistere poiché le attuali questioni macroeconomiche e geopolitiche rimangono in aumento.

Fonte

Twitter Crypto-Blog.IT

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!