Gli investitori crypto negli Stati Uniti, il 61% ha affermato di investire attualmente in criptovalute nel secondo trimestre. Si tratta di un aumento del 44% rispetto al “solo” 42% che ha investito in criptovalute nel primo trimestre.

L’inverno delle criptovalute non ha smorzato l’interesse e la fiducia degli americani nel settore delle criptovalute, secondo un’indagine effettuata da Crypto Pulse su 28.000 investitori istituzionali e al dettaglio in 23 paesi. La ricerca è stata un’iniziativa dell’exchange di criptovalute Bitstamp con sede a Londra.

Negli Stati Uniti, il 61% degli intervistati al dettaglio ha dichiarato di aver investito in criptovalute nel secondo trimestre del 2022. Si tratta di un aumento del 44% rispetto al solo 42% che ha investito in criptovalute nel primo trimestre, secondo il sondaggio. Anche la fiducia nelle criptovalute nel paese è balzata dal 61% nel primo trimestre del 2022 al 73% nel secondo trimestre.

Il Canada, d’altra parte, ha visto un calo della fiducia in Bitcoin e criptovalute al di sotto del 50% nel secondo trimestre, secondo il sondaggio. In Sud America, la fiducia nelle criptovalute è rimasta elevata: 77% in Brasile, 69% in Cile e 70% in Messico.

Ma nonostante il picco degli investitori al dettaglio che si dedicano alle criptovalute e l’elevata fiducia, gli intervistati degli Stati Uniti e del Canada sentono la necessità di una maggiore formazione in criptovalute e blockchain. Secondo il sondaggio, il 44% degli intervistati al dettaglio negli Stati Uniti e in Canada ha affermato di non saperne abbastanza per iniziare a investire in criptovalute.

Anche l’interesse istituzionale per le criptovalute rimane elevato nonostante la flessione del mercato delle criptovalute. Negli Stati Uniti, il 69% delle istituzioni intervistate consiglia le criptovalute ai propri clienti, mentre in Messico il numero è del 78%. In Brasile e Argentina, rispettivamente, il 72% e il 71% delle istituzioni consigliano le criptovalute, secondo il sondaggio.

A livello globale, tuttavia, la fiducia nelle criptovalute è leggermente erosa tra gli investitori istituzionali e al dettaglio. La percentuale di investitori al dettaglio che ritengono affidabili le criptovalute è scesa dal 67% nel primo trimestre al 65% nel secondo trimestre, mentre la percentuale tra le istituzioni è scesa dal 70% al 67% nel secondo trimestre.

Tuttavia, il numero di intervistati al dettaglio che investono in criptovalute o fanno trading su base giornaliera o settimanale è aumentato a livello globale dal 56% nel primo trimestre al 60% nel secondo trimestre. Inoltre, secondo il sondaggio, un istituto su quattro prevede di fare delle criptovalute la loro principale fonte di investimento.

Twitter Crypto-Blog.IT

Europa

In tutta Europa, il sondaggio ha mostrato che la percentuale di investitori al dettaglio che si fidano della criptovaluta è scesa dal 54% nel primo trimestre al 52% nel secondo trimestre del 2022. Come negli Stati Uniti e in Canada, anche gli europei sentono il bisogno di una maggiore educazione alle criptovalute. Il 21% degli europei che attualmente non investe in criptovalute ha affermato di non saperne abbastanza per iniziare.

Il sondaggio ha mostrato un aumento di 7 punti nel numero di investitori al dettaglio che investono in criptovalute rispetto al primo trimestre.

Con l’aumento delle truffe crittografiche e il crollo dei principali prestatori di criptovalute, il numero di investitori al dettaglio che chiedono più regolamentazione è aumentato dal 23% al 26% nel secondo trimestre. Al contrario, gli investitori istituzionali ritengono che la regolamentazione delle criptovalute stia prendendo piede con solo il 23% che afferma che c’è una carenza di regolamentazione, rispetto al 31% nel primo trimestre.

Inoltre, il 31% degli intervistati istituzionali ha dichiarato di voler aumentare i propri investimenti in criptovalute nel primo trimestre, rispetto al 28% nel primo trimestre.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!