Il Kenya abbraccia le Crypto: L’8,5% della popolazione del Kenya, possiede valute digitali ed è il più alto tasso di adozione in Africa

Uno studio condotto dalle Nazioni Unite (ONU) ha stabilito che l’8,5% della popolazione del Kenya possiede risorse digitali, che costituiscono circa 4,25 milioni di persone. Ciò rende il paese un leader nell’adozione di criptovalute in tutta l’Africa, mentre a livello globale, l’Ucraina è al primo posto, con il 12,7% dei suoi residenti.

Cresce l’interesse dei cittadini per le criptovalute

Il Kenya, una nazione africana considerata un hub tecnologico e di innovazione nel continente, è legato all’industria delle criptovalute ormai da anni. Nel 2020, nel mezzo della crisi del COVID-19, i cittadini del paese in difficoltà si sono rivolti a risorse digitali locali (come Sarafu) per aiutare le loro questioni monetarie.

Secondo un recente studio delle Nazioni Unite, l’interesse dei kenioti per le criptovalute è aumentato negli anni successivi e attualmente è la principale nazione africana in termini di HODLer. Il rapporto afferma che l’8,5% della popolazione domestica, ovvero oltre 4,2 milioni di persone, possiede risorse digitali. In confronto, il 7,1% dei residenti sudafricani e il 6,3% dei nigeriani hanno bitcoin o monete alternative.

Vale la pena notare che il tasso di adozione delle criptovalute del Kenya supera le principali economie, inclusi gli Stati Uniti (8,3%). Tuttavia, è difficile stabilire il valore delle valute digitali detenute dai kenioti a causa della mancanza di supervisione nel settore:

“I rendimenti del trading e della detenzione di criptovalute sono, come con altre operazioni speculative, altamente individuali. Nel complesso, sono offuscati dai rischi e dai costi che comportano nei paesi in via di sviluppo. Il settore non è regolamentato nel Paese e rimane in gran parte non regolamentato anche nel mondo sviluppato”

La ricerca delle Nazioni Unite ha rilevato che l’Ucraina è il leader mondiale, con il 12,7% dei suoi residenti che hanno un’esposizione alle criptovalute, mentre la Russia è seconda con l’11,9%. Venezuela e Singapore completano le prime 4 posizioni rispettivamente con il 10,3% e il 9,4%.

Twitter Crypto-Blog.IT

Il Kenya è orientato verso Bitcoin o CBDC?

La valuta nazionale del paese (scellino) ha perso una fetta significativa del suo valore rispetto al dollaro USA negli ultimi anni. In tale nota, l’anno scorso, il governatore della Banca centrale Patrick Njoroge ha affermato che il passaggio a bitcoin o alle stablecoin potrebbe alleviare alcuni dei problemi economici del Kenya:

“La nostra decisione di passare a Bitcoin è sia tattica che logica. La nostra valuta è sempre stata il sacco da boxe per il FMI, che sostiene sempre che lo scellino keniota è sopravvalutato… Stiamo perdendo troppo semplicemente perché qualcuno al FMI si è svegliato dalla parte sbagliata del letto. Bitcoin porrà fine a tutto questo”

All’inizio di quest’anno, la Banca centrale del Kenya (CBK) ha affermato che un potenziale CBDC potrebbe apportare determinati vantaggi all’infrastruttura bancaria nazionale e migliorare i pagamenti transfrontalieri. L’istituzione ha persino pubblicato un documento di discussione per esaminare se i locali supportano un tale prodotto.

Vale la pena ricordare, tuttavia, che bitcoin e CBDC sono risorse molto diverse. Sebbene la criptovaluta primaria sia decentralizzata, le CBDC sarebbero completamente monitorate ed emesse da governi e banche centrali, lasciando meno privacy ai consumatori.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!