La SEC attacca Coinbase: il DOJ e la CFTC sembrano essere in disaccordo con l’ultima dichiarazione della SEC

Come riportato da Crypto-Blog.IT, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha incriminato Ishan Wahi, un ex manager dell’exchange di Coinbase, insieme a suo fratello e un terzo individuo, con l’accusa di insider trading. Questa è stata una prima accusa storica per insider trading nello spazio crittografico.

Ora, però, mentre la polvere si sta calmando, sembra essere sorta una controversia sul nocciolo del caso tra la SEC e la CFTC, un’autorità antifrode la cui competenza spesso si sovrappone a quella della prima.

Implicazioni di vasta portata da parte della SEC

Secondo il commissario della CFTC Caroline D. Pham, la decisione di valutare nove dei token menzionati nell’atto d’accusa come titoli potrebbe avere implicazioni di vasta portata per future controversie legali e allo stesso modo per i consumatori. I token classificati come titoli nel caso recente sono ENS, GALA, POWR e ALCX, tra gli altri.

Leggi la mia dichiarazione su #SEC v. Wahi, regolamento per applicazione e autorità #CFTC #crypto #digitalassets #DAO

Le tattiche pesanti della SEC sono state messe in discussione dalla signora Pham, che ha sottolineato l’importanza che le autorità di regolamentazione lavorino insieme per prevenire inutili attriti causati da una regolamentazione incerta.

La chiarezza normativa deriva dall’essere allo scoperto, non al buio. ​​Dato l’interesse pubblico prevalente e le questioni aperte sullo status giuridico di vari asset digitali, come alcuni token di utilità e monete correlate alla DAO, la CFTC “dovrebbe utilizzare tutti i mezzi disponibili per adempiere al suo mandato statutario di far rispettare vigorosamente la legge e sostenere il Commodity Exchange Act”.

Twitter Crypto-Blog.IT

Coinbase, CFTC e DOJ sperano nella SEC

La dichiarazione dei Commissari CFTC è stata applaudita da Coinbase, il cui Chief Legal Officer ha ribadito l’impegno della società di evitare il trading di titoli sulla sua piattaforma.

“Invece di elaborare regole su misura in modo inclusivo e trasparente, la SEC fa affidamento su questo tipo di azioni di contrasto una tantum per cercare di portare tutte le risorse digitali nella sua giurisdizione, anche quelle che non sono titoli”

Il DOJ sembra essere d’accordo con Coinbase e la CFTC, scegliendo di non sporgere denuncia per frode sui titoli contro i tre imputati. Per ora rimangono solo le spese di insider trading.

Paul Grewal, il CLO di Coinbase, ha proseguito affermando che, sfortunatamente, non esiste ancora un quadro normativo chiaro per i titoli digitali negli Stati Uniti. Alla luce di questo fatto, la politica ufficiale di Coinbase è quella di evitare qualsiasi token che potrebbe essere visto come un titolo e di conformarsi immediatamente una volta che un solido quadro legale in materia di titoli digitali sarà scolpito nella pietra dal governo degli Stati Uniti.

Per ora, il caso giudiziario andrà avanti senza l’addebito aggiuntivo di frode sui titoli, concentrandosi sull’insider trading e sulle accuse di cospirazione.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!