La Louisiana considera la donazione di criptovalute come un contributo “in natura” che però dovrebbe essere convertito in fiat prima della spesa

Il legislatore statale della Louisiana sta valutando un disegno di legge per facilitare i contributi crittografici alle campagne politiche. Sponsorizzato dal rappresentante del Partito Repubblicano Mark Wright, il disegno di legge cerca di stabilire un quadro legale per fare donazioni di criptovaluta a partiti politici e leader politici.

Contributo crittografico per campagne politiche

House Bill n. 170 intende consentire ad un candidato di ricevere contributi elettorali sotto forma di criptovaluta modificando e riattivando le leggi esistenti. Vuole che la casa stabilisca la procedura per i contributi, l’uso, la rendicontazione e altre questioni correlate per accettare tali donazioni.

Il disegno di legge proposto si propone definendo la criptovaluta. Si legge che una tale risorsa come il Bitcoin: “significa una valuta digitale o virtuale che non è emessa da alcuna autorità centrale, è progettata per funzionare come mezzo di scambio e utilizza la tecnologia di crittografia per regolare la generazione di unità di valuta, per verificare i trasferimenti di fondi e prevenire la contraffazione”.

Sebbene il disegno di legge voglia consentire a candidati, funzionari e comitati politici di accettare contributi in criptovaluta, richiederà la loro conversione in denaro fiat per le spese.

“Un candidato, un funzionario o un comitato politico deve vendere criptovaluta e depositare i proventi della vendita su un conto prima di effettuare una spesa da un contributo in criptovaluta”

Bill cerca la conservazione dei registri

Il disegno di legge cerca chiarezza in merito a contributi, valutazioni e spese, rendendo i destinatari responsabili di garantire la legittimità della donazione. A tal fine, il beneficiario dovrebbe conservare le registrazioni necessarie del nome completo, dell’indirizzo fisico, dell’attuale datore di lavoro del contributore e dell’affermazione che il contributore è il proprietario del bene digitale donato.

“La valutazione dei contributi o delle spese in natura deve essere il valore equo di mercato stimato degli stessi al momento ricevuto e speso. La valutazione dei contributi in criptovaluta deve essere il loro valore di mercato equo al momento della ricezione del contributo”

Il legislatore elogia BTC, Satoshi

Nell’aprile dello scorso anno, il legislatore della Louisiana ha approvato una risoluzione che lodava bitcoin e il suo creatore, Satoshi Nakamoto, per il loro “contributo alla sicurezza economica”.

Prendendo atto del fatto che bitcoin sia la prima risorsa decentralizzata da trilioni di dollari, la risoluzione della Camera presentata dal rappresentante Wright ha invitato “i governi statali e locali a considerare i modi che potrebbero aiutarli a beneficiare del maggiore utilizzo di questa nuova tecnologia”. Mentre molte legislature statali hanno singoli politici che hanno mostrato un vivo interesse per l’adozione di bitcoin negli ultimi anni, i regolatori statunitensi chiedono sempre più una maggiore regolamentazione della classe di attività.

In uno di questi sviluppi della scorsa settimana, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha ricordato al Congresso la necessità di una regolamentazione per l’industria delle criptovalute.

Alla domanda se la Russia potesse aggirare le sanzioni internazionali utilizzando risorse digitali, Powell ha affermato di “sottolineare la necessità di un’azione del Congresso sulla finanza digitale, comprese le criptovalute”. Stava testimoniando davanti alla Commissione per i servizi finanziari della Camera sullo stato dell’economia.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!