I co-fondatori di Metamask hanno affermato che il loro obiettivo è rendere le criptovalute più sicure

In un’intervista con VICE, i fondatori di Metamask hanno espresso critiche esplicite contro le truffe dilaganti e la natura del gioco d’azzardo di alcuni progetti nell’ecosistema delle criptovalute. In termini di affrontare i problemi di sicurezza che potenzialmente espongono gli utenti ad attacchi informatici, il co-fondatore Dan Finlay ha affermato che l’azienda può arrivare solo in una certa misura per proteggere gli utenti dagli exploit.

Le Criptovalute come il casinò

Quando il co-fondatore di Metamask Aaron Davis ha lanciato il popolare portafoglio decentralizzato appositamente per la Blockchain di Ethereum, non immaginava che la rete di livello uno potesse essere così principalmente finanziaria come lo è ora.

Invece, si aspettava che il protocollo sarebbe stato utilizzato maggiormente per risolvere problemi della vita reale, come quelli risolti solo dai governi nazionali. Ad esempio, l’idea di organizzazione collettiva potrebbe essere ulteriormente spinta per stimolare uno stato di “autoregolamentazione” al di là della comunità crittografica, ha aggiunto.

A differenza di molti leader del settore che gettano una luce sfrenata e positiva sulle risorse digitali, il duo, Aaron Davis e Dan Finlay, aveva una visione relativamente cauta e realistica dell’ecosistema.

Non sorpresi dal fatto che il bagno di sangue si sia svolto rapidamente in vari campi dello spazio, la coppia ha notato che ha dimostrato che l’ecosistema è come un casinò non sicuro, in cui le persone giocano con poca conoscenza dei rischi in cui si sono poste. Entrambi incolpano su alcuni cattivi attori non agiscono in linea con l’etica crittografica della trasparenza.

Twitter Crypto-Blog.IT

I limiti di Metamask

In qualità di principale facilitatore dell’ascesa di DeFi e NFT negli ultimi anni, Metamask consente agli utenti di avere comodamente la custodia delle proprie risorse digitali. La crescente popolarità dei portafogli decentralizzati ha anche portato all’aumento vertiginoso dei casi di phishing in NFT, causando così il furto di una grossa somma di denaro da parte degli sfruttatori.

Pur dedicando “tutto il suo tempo” alla risoluzione di un problema così critico per i suoi clienti, Finlay ha affermato che esiste un limite a quanto l’azienda potrebbe fare per proteggere gli interessi dei clienti. Ha attribuito una tale realtà al fatto che la crittografia ha “purtroppo” rivelato quanto tutto sia pericoloso nel moderno sistema informatico.

“Abbiamo in qualche modo scoperto la brutta verità che i nostri sistemi informatici fondamentalmente non sono molto sicuri e la persona media, se presa di mira direttamente, può essere sfruttata. E stiamo iniziando a decodificare uno stack informatico sicuro”

Il dilemma di Metamask

Per quanto riguarda il numero schiacciante di progetti simili a Ponzi che registrano i propri token tramite Metamask, Finlay ha ammesso che la sua azienda non poteva imporre un divieto a tali progetti. Tutto ciò che possono fare è privare loro il prezioso ossigeno dell’esposizione.

La correzione del mercato in corso è una sfida per la maggior parte delle aziende di criptovalute, poiché molte hanno scelto di ridurre la forza lavoro per ridurre le spese operative. Assistiamo anche a un forte calo dell’attività poiché la performance complessiva di Metamask è strettamente legata alle condizioni del mercato, ha affermato Davis.

Per incentivare gli utenti a utilizzare i suoi servizi più spesso, l’azienda potrebbe aggiungere la funzionalità dei mercati predittivi per aumentare l’attività semplicemente “spingendo un po’ il comportamento degli utenti”, ma il co-fondatore lo trovò presto come un pericoloso equivalente di potere per invogliare le persone a giocare d’azzardo.

“Se dovessimo essere dei cattivi attori, potremmo incoraggiare le persone a scommettere. Non è quello che vogliamo essere”

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!