Mining BTC: Nei ultimi 7 giorni, i miners responsabili della maggior parte del hash rate sono: Foundry USA, AntPool, F2Pool, Binance Pool e ViaBTC

L’hashrate di Bitcoin (BTC) ha raggiunto un nuovo massimo storico in mezzo alle attuali lotte ribassiste del più ampio mercato delle criptovalute. Secondo i dati di Glassnode, analizzate (come sempre) da Crypto-blog.IT, l’hashrate di BTC ha toccato 244,25 EH/s.

Media Hah Rate BTC 7d

Nei sette giorni, i miner responsabili della maggior parte degli hashrate sono stati Foundry USA, AntPool, F2Pool, Binance Pool, ViaBTC e altri. BitcoinIsaiah ha sottolineato che l’hashrate è già aumentato dell’84% quest’anno, nonostante un calo del 72% del prezzo di BTC:

Hashrate quando #BTC era di $ 69k: 161 EH/s
Hashrate oggi quando BTC è di soli $ 19k: 297 EH/s

Nonostante un calo del prezzo del 72%, l’hashrate è ancora esploso dell’84% in un solo anno. Inarrestabile.

Da quando l’hashrate di Bitcoin è sceso a 200 EH/s il 4 agosto, i dati sono cresciuti costantemente man mano che più macchine si sono aggiunte online dopo la calda estate. Diversi minatori hanno anche aggiornato le loro attrezzature per garantire una migliore efficienza.

NEXO: 25$ in BTC

Nel frattempo, l’aumento dell’hashrate sta avvenendo in un momento in cui il prezzo di Bitcoin ha lottato considerevolmente. La ricerca ha rivelato la possibilità che l’asset scenda a $ 12.000 se il suo basso volume persiste.

Secondo i dati di Glassnode, anche la difficoltà di mining di Bitcoin dovrebbe aumentare tra il 3% e il 10%. Il 3 agosto, la difficoltà era di 27,69 T, ma è salita a 32,05 T entro il 24 settembre. Tuttavia, la difficoltà di mining è scesa a 31,36 T la scorsa settimana.

Difficulty Mining BTC

Le entrate dei minatori di bitcoin subiscono un duro colpo

I rapporti hanno rivelato che le entrate dei minatori di Bitcoin sono diminuite del 72% nell’ultimo anno. Secondo i dati di Blockchain.com, le entrate del mining di bitcoin sono scese a meno di 20 milioni di dollari al giorno rispetto all’anno precedente, quando i minatori guadagnavano circa 62 milioni di dollari al giorno.

I minatori sono stati notevolmente colpiti dal mercato ribassista e dalla crisi energetica globale che ha portato a un aumento dei costi dell’elettricità. Un operatore di data center per l’estrazione di Bitcoin, Compute North, ha dichiarato bancarotta per non aver adempiuto ai propri obblighi nei confronti dei suoi creditori.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!