Nexo e Mastercard uniscono le forze per lanciare la prima carta crittografica in Europa che consente di utilizzare le crypto come garanzia

La piattaforma exchange di asset digitali, che offre prestiti garantiti da criptovalute, Nexo, ha collaborato con Mastercard e DiPocket per lanciare la prima carta di criptovaluta in Europa che consente ai clienti di spendere senza vendere le proprie partecipazioni. Collaborando con i fornitori di servizi di pagamento, Nexo ha concesso ai suoi utenti l’accesso a oltre 92 milioni di siti di commercianti in tutto il mondo.

Nexo Card

La nuova funzionalità (soprannominata Nexo Card) è collegata a una linea di credito fornita da Nexo e supportata da criptovalute che rimane allo 0% di aprile. Consente ai clienti di utilizzare le proprie partecipazioni come garanzia invece di venderle.

“La linea di credito è dinamica e può utilizzare più asset come garanzia, inclusi ma non limitati a Bitcoin, Ethereum e Tether”

Nexo Card non richiede rimborsi minimi. Inoltre, non ci sono commissioni per transazioni estere (FX) fino a $ 20.000 al mese. La carta fornisce un cashback crittografico istantaneo, pagato in Bitcoin o token nativo di Nexo. Pertanto, i clienti possono guadagnare fino al 2% di risorse digitali gratuite con ogni acquisto.

Nexo Card è disponibile sia in forma virtuale che fisica in quanto viene fornita con integrazioni dirette di Apple Pay e Google Pay. L’ordinazione di carte virtuali aggiuntive è gratuita.

Antoni Trenchev – Co-fondatore e Managing Partner di Nexo – ha riassunto i vantaggi del nuovo prodotto:

Il lancio della Nexo Card in Europa in collaborazione con Mastercard e DiPocket è per noi una grande pietra miliare e l’ultima prova dell’immensa sinergia tra la rete finanziaria esistente e gli asset digitali. Questo prodotto unico consentirà a milioni di persone, prima in Europa e poi nel mondo, di spendere istantaneamente senza dover rinunciare al potenziale delle loro criptovalute, offrendo così un’utilità quotidiana senza precedenti per la classe di asset emergente”.

A commentare la collaborazione è stato anche il responsabile dei prodotti Crypto e Blockchain di Mastercard, Raj Dhamodharan. Ha affermato che la sua azienda ritiene che le risorse digitali stiano “rivoluzionando il panorama finanziario”. La collaborazione con Nexo potrebbe offrire alle persone “scelte uniche” nel modo in cui interagiscono con i loro beni crittografici, ha concluso.

Il 2022 di Nexo

A gennaio, Nexo ha stretto la mano a Bakkt Holdings. Come parte dell’accordo, quest’ultimo ha promesso di custodire una parte della scorta di Bitcoin ed Ethereum di Nexo nel suo “magazzino”. A marzo, la società ha lanciato un nuovo fondo volto a investire 150 milioni di dollari in imprese legate al Web3 e altri progetti incentrati sulle criptovalute.

Poco dopo, Nexo ha integrato ApeCoin (il token nativo dell’ecosistema BAYC) nella sua piattaforma. Il trading APE è disponibile contro BTC, USDT, USDC, USDx, EURx e GBPx.

La scorsa settimana, il prestatore di criptovalute ha presentato un’unità di intermediazione di asset digitali chiamata Nexo Prime. La funzione si concentra sulle esigenze dei clienti istituzionali e fornisce tutti gli strumenti necessari per scambiare, prendere in prestito, prestare e archiviare in modo sicuro le proprie criptovalute in un unico prodotto.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!