Una Piattaforma crypto simile alla borsa di Mosca: Uno scambio di criptovalute monitorata dalla Banca di Russia basata sul modello della borsa di Mosca

Anatoly Aksakov, Presidente del Comitato per i Mercati Finanziari della Duma di Stato, ha affermato che il governo non è contrario alla creazione di una sede di scambio di criptovalute in Russia. Tuttavia, l’entità dovrebbe rispettare le rigide normative della banca centrale e operare in modo simile alla borsa di Mosca, ha aggiunto.

Exchange di criptovalute in Russia

Anche se il governo russo, e in particolare la Banca di Russia (la banca centrale del paese), sono prevalentemente contrari all’industria delle criptovalute, molti locali sono dall’altra parte. All’inizio di quest’anno, il primo ministro Mikhail Mishustin ha affermato che gli investitori nazionali possiedono più di 10 trilioni di rubli (163 miliardi di dollari) di asset digitali. Il numero totale degli HODLer è stato stimato in circa 10 milioni, ovvero il 7% della popolazione russa.

Nonostante il notevole interesse per le criptovalute, la nazione non ha un proprio exchange e la gente del posto fa affidamento su piattaforme straniere come Binance, FTX e Kraken. Poco dopo l’invasione russa dell’Ucraina, tuttavia, alcune sedi di negoziazione hanno applicato alcune restrizioni. Binance, ad esempio, ha limitato i suoi servizi ai cittadini i cui possedimenti in criptovaluta superavano i 10.000 EUR.

In mezzo alla controversia, Anatoly Aksakov, un alto dirigente alla camera bassa dell’Assemblea federale russa (Duma di Stato), ha lasciato intendere che il lancio di uno scambio di criptovalute domestico potrebbe essere in arrivo. Tuttavia, ha ritenuto che tale organizzazione dovrebbe essere monitorata dalla banca centrale e fornire servizi secondo i “requisiti severi” di quest’ultima.

Ritiene inoltre che una potenziale piattaforma crittografica russa dovrebbe essere basata sugli standard della borsa di Mosca (la più grande borsa del paese che opera sui mercati di scambio di azioni, obbligazioni, derivati e metalli preziosi):

“E questa divisione, che lavorerà nell’ambito di un’organizzazione rispettata con grandi tradizioni, abituata a interagire attivamente con la Banca centrale, secondo me, affronterà al meglio il compito di svolgere operazioni con la criptovaluta”

Twitter Crypto-Blog.IT

Le criptovalute non dovrebbero minare il rublo

Le normative nel settore delle criptovalute sono state un argomento molto controverso in Russia negli ultimi mesi. Mentre la banca centrale insiste sul divieto totale di tutte le attività relative alle risorse digitali, il Ministero dell’Economia ritiene che l’applicazione di regole al settore sia un passo più appropriato.

Il mese scorso, Aksakov ha proposto un disegno di legge che delinea le risorse digitali come inapplicabili per un metodo di pagamento. A suo avviso, questo approccio conserverà la supremazia della valuta nazionale del paese, il rublo:

“Il rublo è l’unità monetaria ufficiale (valuta) della Federazione Russa. Il suddetto articolo stabilisce un divieto contro l’introduzione di altre unità monetarie o surrogati monetari sul territorio della Federazione Russa”

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!