Polygon zkEVM è la soluzione di scalabilità di Polygon compatibile con Ethereum che mira a superare il numero di transazioni di Visa

Il provider di infrastrutture Web3 Polygon ha annunciato oggi il lancio di Polygon zkEVM (zero-knowledge Ethereum Virtual Machine), che si dice sia la prima soluzione di ridimensionamento compatibile con Ethereum che utilizza il metodo crittografico chiamato prove a conoscenza zero.

Precedentemente noto come Matic Network, Polygon è un protocollo di interoperabilità e ridimensionamento per il lancio di blockchain compatibili con Ethereum. Il suo componente principale è Polygon SDK, un framework modulare e flessibile che supporta la creazione di più tipi di applicazioni decentralizzate (dApp).

Polygon ha preso in giro per la prima volta zkEVM all’EthCC Paris nel luglio 2021 e afferma che è progettato per funzionare senza sforzo con tutti i contratti intelligenti, gli strumenti per sviluppatori e i portafogli esistenti, creando al contempo meno attrito per gli utenti eliminando la necessità di qualsiasi tipo di modifica o re-implementazione di codice.

“Il Santo Graal dell’infrastruttura Web3 dovrebbe avere tre proprietà principali: scalabilità, sicurezza e compatibilità con Ethereum”

Ha affermato Mihailo Bjelic, co-fondatore di Polygon, in una dichiarazione condivisa con Decrypt.

Bjelic ha descritto zkEVM come una tecnologia rivoluzionaria che finalmente raggiunge questo obiettivo, aprendo un nuovo capitolo dell’adozione di massa, pur osservando che fino ad ora, non è stato praticamente possibile offrire tutte queste proprietà contemporaneamente.

Le principali promesse di Polygon zkEVM includono una significativa riduzione degli attuali costi della rete Ethereum di livello 1, circa il 90%, secondo la stima del team, nonché un drammatico aumento della capacità di throughput, il tutto ereditando la sicurezza della blockchain di Ethereum.

“È difficile fornire confronti delle prestazioni per zkEVM in questa fase, ma stiamo lavorando per aumentare [il throughput] a circa 2.000 transazioni al secondo (TPS)”

Secondo Bjelic, questo sarebbe alla pari con il processore di pagamenti globale Visa, che elabora in media circa 1.700 transazioni al secondo: un benchmark Ethereum dovrà eguagliare o superare per diventare la base di Web3.

NEXO: 25$ in BTC

Poligono per ridurre i tempi di prelievo

Polygon ha evidenziato che la tecnologia di base di zkEVM chiamata zk-rollups è in grado di offrire liquidazioni delle transazioni più rapide e, quindi, una migliore efficienza del capitale, un vantaggio significativo rispetto alla tecnologia nota come rollup ottimistici.

I rollup Zk si basano su un pezzo di crittografia chiamato prova a conoscenza zero, che, come ha spiegato Bjelic, fornisce una “prova di validità” che le transazioni non sono fraudolente, mentre i rollup ottimistici richiedono un periodo di contestazione entro il quale chiunque può contestare la validità di un transazione.

“In media, ciò si traduce in un ritardo di sette giorni per i prelievi quando si utilizzano i rollup ottimistici. zkEVM ha il potenziale per ridurre questo periodo di uscita da sette giorni a potenzialmente solo un paio di minuti”

Parlando di come funzionerà la soluzione di ridimensionamento dopo l’imminente transizione di Ethereum verso una rete proof-of-stake (PoS), il co-fondatore di Polygon ha osservato che mentre è improbabile che le commissioni di Ethereum cambino sostanzialmente anche dopo l’evento di fusione, zkEVM è destinato a ridurre commissioni di rete del [stimato] 90% e anche di più nelle iterazioni future.

“zkEVM servirà anche come soluzione tampone per la latenza delle transazioni mentre Ethereum passa a PoS e consentirà di conseguenza guadagni ancora maggiori nel throughput”

Ha aggiunto che la tabella di marcia per le versioni future di zkEVM include ulteriori miglioramenti sul throughput, osservando che Ethereum attualmente raggiunge un throughput massimo di circa 30 TPS. Secondo il team, zkEVM dovrebbe essere distribuito sulla testnet pubblica entro la fine dell’estate, con il lancio della mainnet previsto per l’inizio del 2023.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!