Regno Unito vuole regolamentare le crypto: i legislatori UK stanno accelerando gli sforzi per affrontare le normative crittografiche

Il Regno Unito si sta preparando a chiudere il vuoto normativo presente nel mercato delle criptovalute. Il recente crollo ha solo rafforzato la determinazione dei legislatori. Pertanto, il Financial Policy Committee della Bank of England ha evidenziato la necessità di rafforzare i quadri normativi e di contrasto nel settore.

Quadro normativo per le Crypto

Nel loro ultimo rapporto, il comitato ha affermato che mentre la crescita della tecnologia blockchain e criptovalute e dei loro mercati e servizi associati non rappresentano una minaccia immediata per il sistema finanziario del Regno Unito, la classe di attività ha il potenziale per farlo in futuro.

“Le valutazioni delle criptovalute sono diminuite drasticamente. La capitalizzazione di mercato delle criptovalute è scesa a 900 miliardi di dollari, da un picco di quasi 3 trilioni di dollari alla fine del 2021. All’interno dei mercati delle criptovalute sono state esposte numerose vulnerabilità simili a quelle esposte da passati episodi di instabilità nelle parti più tradizionali del sistema finanziario”

I recenti eventi nel mercato delle criptovalute, come la crisi di liquidità e la liquidazione delle posizioni con leva, hanno amplificato i ribassi dei prezzi. E mentre FPC ha notato che se questi problemi rimangono incustoditi, potrebbero portare all’emergere di rischi sistemici poiché le criptovalute si integrano con il sistema finanziario più ampio.

Le stablecoin sono una delle questioni più importanti nel mercato delle criptovalute che i regolatori sono desiderosi di stabilire disposizioni importanti. L’FPC ha già affermato che questi token utilizzati come strumenti simili al denaro nella catena di pagamento sistemica dovrebbero soddisfare gli standard necessari per la moneta bancaria commerciale sulla stabilità del valore, la solidità del diritto legale e la capacità di riscattare alla pari in fiat.

La principale autorità di regolamentazione del Regno Unito, la Financial Conduct Authority, ha dichiarato che indagherà sul crollo di Terra mentre svilupperà nuove regole per la classe di attività. Anche se sembrava che le normative potessero essere passate in secondo piano con l’invasione russa dell’Ucraina all’inizio dell’anno, il successivo crollo del mercato e i suoi effetti a catena hanno costretto i cani da guardia globali ad accelerare il processo.

NEXO: 25$ in BTC

Direttore delle risorse digitali a bordo

Il cancelliere del Regno Unito e uno dei ministri di gabinetto più anziani, Rishi Sunak, vuole che la Gran Bretagna sia un “hub globale” per le criptovalute. Ciò potrebbe significare l’appetito del governo di diventare un luogo attraente per le società di criptovalute. Ma dal lato operativo, è una situazione di stallo. L’attuale processo per la concessione di licenze alle società di crittografia è complicato e lungo. Di conseguenza, molte piattaforme di spicco hanno fatto ricorso a negozi altrove.

Tuttavia, vale la pena notare che la situazione nel Regno Unito è cambiata drasticamente nel corso della settimana con le dimissioni di Sunak, seguito da molti altri ministri e infine da Boris Johnson. Secondo alcune stime, Sunak è tra i favoriti per essere il prossimo Primo Ministro, cosa che potrebbe alterare ulteriormente l’ecosistema crypto locale.

Nel tentativo di supervisionare le criptovalute, la FCA ha annunciato di nominare il direttore del National Economic Crime Command (NECC) multi-agenzia, Matthew Long, come nuovo direttore dei pagamenti e delle risorse digitali. Le precedenti posizioni di Long erano incentrate sulla criminalità economica e sulla finanza illecita. Il ruolo appena stabilito includerà la supervisione dei mercati delle criptovalute e la guida dello sviluppo di politiche correlate.

Tassazione per la DeFi

Il governo del Regno Unito ha chiesto un contributo pubblico alla tassazione dei prestiti di criptovalute e allo staking dei partecipanti alla finanza decentralizzata (DeFi). Secondo la richiesta di prove di Her Majesty’s Revenue and Customs (HMRC), il governo è desideroso di determinare se gli oneri e i costi amministrativi potrebbero essere ridotti per i contribuenti coinvolti in questa attività e se il trattamento fiscale può essere meglio allineato con l’economia alla base del transazioni.

Gli investitori interessati, i professionisti e le aziende impegnate in attività DeFi hanno tempo fino al 31 agosto per presentare le proprie prove.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!