La Reserve Bank of India esige il ban delle crypto citando l’effetto destabilizzante delle risorse digitali sulla stabilità fiscale

I funzionari della banca centrale indiana hanno rinnovato gli sforzi per vietare le criptovalute. Il ministro delle finanze Nirmala Sitharaman ha sostenuto la mozione durante una riunione parlamentare il 18 luglio, affermando che le risorse digitali hanno un’effetto destabilizzante sulla stabilità fiscale del Paese.

I funzionari indiani evidenziano l’indecisione

La Reserve Bank of India (RBI) ha tentato per la prima volta di vietare Bitcoin e le criptovalute nell’aprile 2018, citando i rischi associati alla protezione dei consumatori, integrità del mercato e riciclaggio di denaro, tra gli altri. Tuttavia, nel marzo 2020, la sentenza è stata ribaltata dalla Corte di Cassazione, che ha ritenuto incostituzionale il divieto. Nonostante ciò, si è continuato a parlare di un divieto imminente.

Nel marzo 2021, Sitharaman è apparso sulla televisione nazionale, dicendo che il governo non stava “chiudendo tutte le opzioni”. Invece, Sitharaman ha parlato vagamente di “una finestra” per consentire “esperimenti di criptovaluta”.

Nonostante il messaggio incerto, gli investitori di criptovalute indiani l’hanno considerata una vittoria. Il co-fondatore di WazirX, Nischal Shetty, ha affermato che l’annuncio è stato il via libera per gli sviluppatori per creare e vincere.

L’imposizione di un’imposta su beni e servizi del 30% su tutte le transazioni di criptovaluta e NFT e un’imposta aggiuntiva dell’1% sulle transazioni superiori a INR 10.000 ($ 125), hanno avuto l’effetto di aumentare i volumi degli scambi sui principali exchange. Ma ora, a meno di un mese dall’entrata in vigore della tassa sulle transazioni dell’1%, i legislatori di alto livello stanno rinnovando le richieste per un divieto assoluto delle criptovalute.

Twitter Crypto-Blog.IT

Richieste rinnovate per il divieto delle criptovalute

Sitharaman ha espresso sostegno alla richiesta della RBI di vietare le criptovalute in una discussione parlamentare. Giustificando il suo punto di vista, ha parlato delle preoccupazioni per gli effetti negativi delle risorse digitali sull’economia.

Proseguendo, ha chiarito che solo le valute emesse dalla banca centrale soddisfano i criteri per il corso legale. Ha aggiunto che le valutazioni delle criptovalute sono basate sulla speculazione e dannose per la stabilità fiscale.

“Tuttavia il valore delle criptovalute si basa esclusivamente sulle speculazioni e sulle aspettative di rendimenti elevati che non sono ben ancorati, quindi avrà un effetto destabilizzante sulla stabilità monetaria e fiscale di un Paese”

Sitharaman ha detto che la RBI aveva raccomandato per l’elaborazione della legislazione, ma oltre a chiedere un divieto, non ha fornito ulteriori dettagli sulla proposta. Firmando, ha riconosciuto che la cooperazione internazionale è necessaria per emanare un divieto per evitare l’arbitraggio normativo.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!