Ripple lascerà gli Stati Uniti: Brad Garlinghouse non ha dubbi su cosa fare se dovesse perdere contro la SEC “lasceranno gli USA per sempre”

La causa intentata dalla SEC nel dicembre 2020, secondo cui Ripple Labs Inc, Brad Garlinghouse e Chris Larsen hanno utilizzato illegalmente XRP come sicurezza non registrata per raccogliere 1,3 miliardi di dollari, continua a essere ritardata a tal punto che il CEO di Ripple sta minacciando di possibilità di lasciare il Paese nel caso in cui il tribunale si pronuncia a favore della SEC.

Garlinghouse lo ha chiarito in un’intervista con Axios media durante la conferenza Collision a Toronto. Ha detto che se perdessero la causa, non prenderanno in considerazione la possibilità di lasciare gli Stati Uniti, ma lo faranno, aggiungendo che perdere la causa non cambierebbe nulla nel più ampio settore delle criptovalute.

“Se pensi a come sta funzionando il mondo in questo momento, è come se la causa fosse stata persa a parte alcune altre eccezioni…. Quindi se perdiamo, se Ripple perde la causa, cambia qualcosa?”

Ripple vs SEC

A metà aprile, Ripple sembrava aver ottenuto una vittoria significativa nella sua causa contro la SEC dopo che il giudice Sarah Netburn ha deciso di negare la richiesta della SEC di riconsiderare la protezione di alcuni documenti che evidenziano un discorso tenuto dal suo ex direttore William Hinman, affermando che Bitcoin ed Ether non sono titoli.

Tuttavia, il caso sta ancora facendo scalpore, poiché la SEC è riuscita a ribaltare la potenziale vittoria di Ripple, sostenendo che Hinman non avrebbe dovuto pronunciare questo discorso perché aveva conflitti di interesse specifici con quelle criptovalute.

Questo punto è stato toccato più volte da Garlinghouse, affermando che XRP è una valuta e non un titolo, paragonando la sua natura a quella di Bitcoin (BTC) o Ethereum (ETH).

Twitter Crypto-Blog.IT

Un’offerta pubblica iniziale (IPO) è in arrivo?

Di recente, Garlinghouse ha elogiato il modo in cui la SEC ha gestito il caso, aggiungendo che spera che si concluda entro la fine dell’anno. In tal caso, è probabile che la società lancerà un’IPO.

Inoltre, un paio di giorni fa, Ripple ha annunciato l’intenzione di aprire un ufficio a Toronto, in Canada, creando circa 50 nuovi posti di lavoro. Allo stesso modo, va notato che a parte i 300 dipendenti che Ripple ha negli Stati Uniti, l’azienda ha più di 300 dipendenti all’estero, quindi cambiare la sua sede principale non dovrebbe significare molto per l’azienda.

Il CEO di Ripple potrebbe mescolare le sue carte mentre si prepara per il futuro. Ma coloro che sono ancora arruolati nell’esercito XRP potrebbero sostenere con ottimismo che l’azienda non farà altro che espandere la sua portata, indipendentemente dal fatto che sia un’azienda con sede negli Stati Uniti o meno.

XRP 1Y Price

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!