Saylor Michael ha elencato le tre cose principali che pesano su Bitcoin, una delle quali è la cross-collateralizzazione di altcoin

Il CEO di MicroStrategy Michael Saylor ha “gettato le altcoin sotto il bus” invitando le autorità di regolamentazione a fare la loro parte nell’affrontare le pratiche rischiose del settore delle criptovalute.

Parlando con il fondatore della piattaforma di analisi tecnica Northman Trader, Saylor ha detto a Sven Henrich che una “sfilata di orribili altcoin” sta gravando su Bitcoin e le autorità di regolamentazione devono agire di conseguenza.

Una sfilata di orribili altcoin sta trascinando giù Bitcoin

Saylor ha elencato tre fattori che hanno un impatto negativo sul prezzo del Bitcoin. Il primo è la prevalenza del wash trading nello spazio crittografico. A differenza delle azioni, non esistono normative specifiche che affrontino il wash trading di asset digitali.

Il wash trading è una forma di manipolazione del mercato che prevede l’acquisto e la vendita simultanei di un asset. Questa pratica può creare un’immagine falsa di ciò che sta accadendo nel mercato, ad esempio un volume artificialmente elevato.

Questo porta al fattore successivo, che secondo Saylor era l’effetto degli exchange non regolamentati e della volatilità del mercato che portano. Espandendosi ulteriormente, il capo di MicroStrategy ha parlato di un conflitto di interessi negli scambi che agiscono sia come market maker che come titolari di token, insieme al wash trading e al trading con leva elevata.

“Se avessi 20 volte la leva finanziaria sulle azioni Apple senza regole di wash trading, Apple sarebbe un asset molto più volatile e così sarebbe anche il Nasdaq”

Infine, Saylor si è rivolto alle altcoin e ha affermato che solo Bitcoin è una merce perché non ha emittente. Ha aggiunto che le altre 19.000 criptovalute sono titoli non registrati. Il risultato è un trading “cloud” multi-miliardario senza un’equa divulgazione che è “cross-collateralizzato” con Bitcoin.

“Quello che hai è una nuvola di $ 400 miliardi di scambi di titoli opachi e non registrati senza una divulgazione completa ed equa, e sono tutti garantiti in modo incrociato con Bitcoin”

Diviso nel trattamento normativo delle criptovalute sulle carte

Il 18 maggio, il presidente della Securities and Exchange Commission (SEC) Gary Gensler ha dichiarato alla Commissione per gli stanziamenti della Camera che il Bitcoin è una merce “forse”. Attualmente, negli Stati Uniti, le criptovalute sono disciplinate dalla giurisdizione della SEC e trattate secondo le leggi sui titoli applicabili.

Parlando alla CNBC il 16 maggio, il presidente della Commodity Futures Trading Commission (CFTC) Rostin Behnam ha affermato che ha senso esaminare tutte le criptovalute, classificandole come merce o titolo e designando di conseguenza l’autorità dell’agenzia appropriata.

“In questo spazio, a mio avviso, ha senso che le materie prime siano regolate dalla Commodity Futures Trading Commission e i titoli dalla SEC”

Behnam ha affermato che Bitcoin ed Ether si adattano alla definizione di merce secondo lui. Ma ci sono anche “un sacco” di altri token che rientrano in quella categoria.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!