Stablecoin sugli exchange: Il rapporto di fornitura di stablecoin (SSR) mostra che l’offerta sugli scambi tende ad aumentare in modo significativo quando l’incertezza colpisce il mercato

Le criptovalute ancorate al dollaro USA sono cresciute esponenzialmente negli ultimi anni. Le stablecoin, come suggerisce il loro nome, offrono la stabilità tanto necessaria ai trader che le usano per immagazzinare valore, distribuire capitali e uscire dalle loro negoziazioni.

A causa della loro relazione intrinseca con Bitcoin e altre criptovalute, le stablecoin sono solidi indicatori della più ampia performance del mercato, poiché la loro abbondanza negli exchange è l’indicatore principale della liquidità del mercato.

Prendiamo, ad esempio, lo stablecoin supply ratio (SSR). L’SSR è il rapporto tra l’offerta di Bitcoin e l’offerta di stablecoin, la capitalizzazione di mercato di Bitcoin divisa per la capitalizzazione di mercato delle stablecoin.

Le stablecoin incluse nell’SSR sono USDT, TUSD, USDC, USDP, GUSD, DAI, SAI e BUSD. Quando l’SSR è basso, l’attuale fornitura di stablecoin ha più potere d’acquisto per acquisire BTC. Quando il rapporto è alto, il mercato ha meno potere d’acquisto e la pressione d’acquisto per BTC diminuisce.

SSR

Il termine “dry powder” (letteralmente polvere secca) si riferisce alla quantità di stablecoin, come USDT e USDC, detenute in borsa. Alti livelli di polvere secca sono spesso considerati un indicatore di una tendenza rialzista in arrivo e un rivestimento d’argento per BTC.

Molti analisti ritengono che questo dimostri che gli utenti stanno aspettando che il macro scenario cambi da un ambiente risk-off a uno risk-on, incoraggiando gli investitori a immagazzinare la propria ricchezza in criptovalute ancorate a valute fiat e non convertirla in fiat. Mostra anche che gli investitori sono più disposti a detenere capitale in criptovalute, poiché un’elevata offerta di stablecoin sugli scambi non significa sempre che gli investitori lo convertiranno in BTC.

Twitter Crypto-Blog.IT

Prendiamo come esempio l’Argentina. Da quando ha riconquistato l’indipendenza dalla Spagna nel 1816, il paese è andato in default per nove volte e ha registrato un’inflazione quasi costante a due cifre. Nel peggiore dei casi, l’inflazione argentina ha raggiunto il 5.000%, provocando diverse grandi svalutazioni valutarie.

È probabile che gli argentini che cercano di preservare i propri risparmi di una vita li manterranno in stablecoin, aumentando così una parte significativa dell’offerta di stablecoin detenuta negli scambi.

STBL

Il grafico sopra mostra STBL, un asset virtuale che aggrega i dati delle più grandi stablecoin ERC-20: USDT, USDC, DAI, BUSD, GUSD, HSUD, USDP, EURS, SAI e sUSD. L’indicatore STBL viene utilizzato per creare una metrica che riepiloga i saldi di stablecoin tra gli scambi.

Le metriche di scambio si basano sui dati etichettati costantemente aggiornati di CryptoSlate di indirizzi di scambio, tecniche di scienza dei dati e informazioni statistiche che cambiano nel tempo. Pertanto, tutte le metriche presentate sono mutevoli: mentre i dati stessi sono stabili, i punti dati più recenti sono soggetti a lievi fluttuazioni con il passare del tempo.

Secondo i dati di Glassnode, oltre 40 miliardi di dollari di stablecoin “dry powder” stanno aspettando ai margini del mercato delle criptovalute.

La sovrapposizione di questa offerta con eventi macro drammatici mostra i momenti esatti in cui l’offerta di stablecoin è aumentata notevolmente. Il crollo del COVID-19 del marzo 2020 sembra aver innescato un più ampio trend di accumulazione di stablecoin per tutto il 2021. L’inizio di un mercato ribassista alla fine del 2021 ha portato a un ulteriore aumento della loro offerta sugli scambi, che ha continuato a crescere ulteriormente dopo la Russia ha invaso l’Ucraina nel febbraio 2022.

L’analisi dei dati rivela che l’offerta di stablecoin sugli scambi tende ad aumentare in modo significativo quando l’incertezza colpisce il mercato.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!