Ucraina e Binance: La comunità delle criptovalute si sta unendo come mai prima d’ora per mostrare sostegno all’Ucraina in termini di donazioni di asset digitali

Le criptovalute sono emerse come il metodo preferito per la raccolta fondi e le donazioni in quanto offrono una serie di vantaggi rispetto alle banche e ai metodi tradizionali di trasferimento di denaro che sono lenti, costosi e spesso limitati e monitorati.

Il governo ucraino ha invitato la comunità delle criptovalute a impegnarsi a sostenere una serie di appelli sui social media durante il fine settimana. Il vice primo ministro e ministro della trasformazione digitale Mykhailo Fedorov ha pubblicato sabato tre indirizzi per le donazioni di criptovalute.

Stai con il popolo ucraino. Ora si accettano donazioni in criptovaluta: Ethereum, Tether e Bitcoin:

BTC — 357a3So9CbsNfBBgFYACGvxxS6tMaDoa1P

ETH — 0x165CD37b4C644C2921454429E7F9358d18A45e14

USDT (trc20) — TEFccmfQ38cZS1DTZVhsxKVDckA8Y6VfCy

L’appello è stato rivolto agli Exchange di criptovalute anche per bloccare gli utenti russi.:

“Chiedo a tutti i principali scambi di criptovalute di bloccare gli indirizzi degli utenti russi. È fondamentale congelare non solo gli indirizzi legati ai politici russi e bielorussi, ma anche per sabotare gli utenti comuni”

Twitter Crypto-Blog.IT

La comunità di criptovalute risponde alla chiamata

La comunità delle criptovalute ha risposto alla chiamata poiché sono stati effettuati quasi 19 milioni di dollari in donazioni di risorse digitali dall’inizio dell’invasione russa la scorsa settimana. Reuters ha riportato un totale di 8 milioni di dollari il 27 febbraio, tuttavia, la società di analisi blockchain Elliptic ha aggiornato i suoi dati al 27 febbraio alle 23:50 UTC.

l totale ricevuto dal governo ucraino è attualmente di 18,9 milioni di dollari, la maggior parte dei quali è arrivata negli ultimi due giorni dall’appello del signor Fedorov. L’importo ricevuto è quasi raddoppiato nelle ultime 24 ore.

Elliptic ha suddiviso le donazioni per cripto-asset, rivelando che la maggior parte delle donazioni ricevute fino ad oggi sono state in Bitcoin ed Ether, sebbene le stablecoin del dollaro USA contribuiscano in misura significativa.

Più della metà, ovvero il 56,4%, è stata donata in Bitcoin, il 31,8% è stato Ethereum, mentre il 10,9% è costituito da stablecoin e meno dell’1% da altre altcoin. Secondo l’outlet cinese di criptovalute Wu Blockchain, il fondatore di Polkadot era pronto a donare… se fosse disponibile un indirizzo DOT.

Il fondatore di Polkadot, Gavin Wood, ha dichiarato che avrebbe donato 5 milioni di dollari se il governo ucraino avesse fornito l’indirizzo di Polkadot. Inoltre, Tom Robinson ha dichiarato che la più grande donazione (anonima) ricevuta dal governo ucraino è stata Bitcoin del valore di 1,86 milioni di dollari.

L’azienda ha aggiunto che anche le donazioni di criptovalute ai volontari ucraini e ai gruppi di hacker sono aumentate da quando la Russia ha lanciato la sua invasione giovedì scorso.

Binance dona 10 milioni di dollari

Il più grande scambio di criptovalute del mondo, Binance, ha aderito alla chiamata con i suoi 10 milioni di dollari in donazioni. La società ha annunciato l’iniziativa il 28 febbraio, affermando che:

“La donazione sarà suddivisa tra le principali organizzazioni intergovernative e organizzazioni senza scopo di lucro già presenti sul campo, tra cui UNICEF, UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, iSans e People in Need, per aiutare a sostenere i bambini e le famiglie sfollati in Ucraina e nei paesi limitrofi”

Ha creato un portale web per le donazioni di criptovalute chiamato Ukraine Emergency Relief Fund. Al momento della scrittura di queto articolo, aveva ricevuto 156 BTC per un valore di circa $ 5,8 milioni da 214 donatori. Binance ha dichiarato di aver promesso poco più di 16.000 token BNB alla causa.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!