L’ UE con la regolamentazione “MiCA”, molto dibattuta, sta andando avanti ma senza le disposizioni del divieto riguardante il Bitcoin

Si è discusso molto sui regolamenti MiCA proposti dall’UE, in particolare sul testo che mirava a mettere fuori legge le criptovalute proof-of-work come Bitcoin. Ora, la legge va avanti ma senza queste clausole.

Un sollievo per Bitcoin

Il pacchetto normativo Markets in Crypto Assets (MiCA) proposto dall’Unione Europea (UE) ha deciso di non portare avanti la controversa disposizione mirata a limitare l’uso delle criptovalute proof-of-work a causa di problemi di consumo energetico.

Prima di passare ai negoziati del trilogo tra parlamento, consiglio e commissione, i legislatori dell’UE stavano cercando di raggiungere un consenso in termini di una migliore regolamentazione dello spazio crittografico. L’attuale bozza del MiCA non include la disposizione per vietare le criptovalute come bitcoin che operano sul protocollo proof-of-work.

Stefan Berger, il legislatore tedesco che guida il regolamento MiCA, ha twittato venerdì che il suo mandato proposto di non includere un divieto di prigionia non è stato contestato e che l’UE ha mostrato “forza innovativa”. Il termine per impugnare il mandato è scaduto giovedì alla mezzanotte, ha aggiunto Berger, e il trilogo del MiCA inizierà la prossima settimana.

I token non fungibili (NFT) e la finanza decentralizzata (DeFi) sono gli altri argomenti discussi dal parlamento. La domanda è se dovrebbero essere inclusi nel pacchetto MiCA e quali istituzioni dell’UE dovrebbero essere responsabili della supervisione dello spazio crittografico.

Twitter Crypto-Blog.IT

Europa: un centro di estrazione di Bitcoin

Il 14 marzo, il Parlamento europeo ha detto no all’inclusione di un linguaggio esplicito che vieta le criptovalute proof-of-work con un voto di 30-23. Coloro che hanno perso avevano bisogno di 1/10 dei voti tra i parlamentari per porre il veto a una procedura accelerata del MiCA attraverso i triloghi per rilanciare il divieto di proof-of-work.

Come riportato in precedenza da Crypto-Blog.IT, l’Europa comprende circa il 12-14% della potenza totale di hash mining di BTC, secondo i dati dell’agosto 2021 dell’Università di Cambridge. Irlanda e Germania fanno la parte del leone su quel totale, quindi è improbabile che i tassi di hash globali ne risentano.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!