UE regolamenta le criptovalute: l’unione introduce la legge TOFR introducendo regole KYC obbligatorie per tutti i fornitori di servizi di criptovalute

L’Unione Europea, il 29 giugno, il Parlamento, il Consiglio e la Commissione tripartita hanno raggiunto un accordo provvisorio sul regolamento sul trasferimento di fondi (TOFR). Il TOFR costituisce una parte dei quadri normativi dell’UE. si sta preparando per la regolamentazione delle criptovalute. Dopo l’implementazione, i fornitori di servizi di criptovalute (CASP) nell’UE sarà obbligato a rispettare le regole e ad adeguare di conseguenza le proprie politiche e procedure interne.

Le regole entreranno in vigore 18 mesi dopo l’applicazione del regolamento MiCA.

Obbiettivo: Regolamentare le criptovalute

Il TOFR introduce diverse regole antiriciclaggio che cercano di raccogliere dati sulle transazioni delle criptovalute sugli exchange. In una serie di tweet sull’accordo provvisorio, Ernest Utasun, un legislatore dell’UE, ha definito l’accordo una risposta al “selvaggio west crittografico non regolamentato”.

Secondo lui, le regole del TOFR si applicano a ogni transazione, anche se non supera l’euro. Comprese le transazioni effettuate presso cripto ATM. Inoltre, i CASP dovranno raccogliere dati sulle transazioni di portafoglio non ospitate. Questi dati includono le transazioni effettuate e ricevute da portafogli non ospitati.

La regola prevede inoltre che le identità dei proprietari di wallet unhosted siano verificate su transazioni superiori a 1000€. Queste regole sui portafogli non ospitati sembrano ispirate dall’idea che gli attori illeciti le utilizzino principalmente per facilitare i crimini.

Un altro potenziale argomento di contesa che potrebbe aver portato a questi regolamenti sono i rapporti sulla Russia che sfrutta le criptovalute per evitare sanzioni finanziarie. Posto che nell’ambito di tali regole, i CASP devono adeguare la propria operatività alle sanzioni economiche comminate dalla U.E. Tuttavia, le regole non si applicano alle transazioni peer-to-peer (P2P). Ciò significa che dopo aver implementato le regole TOFR, gli utenti a disagio con la raccolta dei dati potrebbero migrare alle transazioni P2P.

Le regole regoleranno anche le relazioni dei fornitori di risorse digitali con i CASP nei paesi del terzo mondo, in particolare dove questi fornitori non sono regolamentati e privi di licenza.

Parlando delle regole, il politico dell’UE Ondřej Kovařík ha twittato:

Le istituzioni dell’UE hanno trovato un accordo politico provvisorio sul regolamento sul trasferimento di fondi. Credo che trovi il giusto equilibrio nella mitigazione dei rischi per la lotta al riciclaggio di denaro nel settore delle criptovalute senza impedire l’innovazione e sovraccaricare le aziende.

Il provider di criptovalute salvaguarderà i dati raccolti sulle transazioni e li metterà a disposizione dell’UE.

Twitter Crypto-Blog.IT

Le regole TOFR

L’Unione Europea. ha recentemente aumentato i suoi sforzi per implementare quadri normativi per le attività di criptovaluta. Le numerose crisi istituzionali registrate nel mercato delle criptovalute dal 2022 hanno ulteriormente intensificato questa esigenza.

Tuttavia, esperti e analisti considerano i tentativi di regolamentazione una mossa per soffocare l’uso della criptovaluta nell’UE. Risuonano anche le preoccupazioni sul fatto che le regole TOFR costituiscano una violazione del diritto dei cittadini alla privacy.

Piuttosto che aiutare la crescita della criptovaluta, molti credono che le normative ritarderanno lo sviluppo della blockchain nell’UE. e soffocare l’innovazione. Un altro potenziale impatto negativo risiede nella necessità di raccogliere dati su tutte le transazioni che potrebbe rendere le attività di scambio di criptovalute inutilmente lente e costose. Allo stesso modo, la sicurezza dei dati raccolti è stata oggetto di critiche. Molti ritengono che la condivisione dei dati con i CASP e i governi potrebbe renderli vulnerabili agli attacchi.

L’Agenzia europea, la Commissione europea e l’Autorità bancaria europea sono alcune delle istituzioni dell’UE. istituzioni che hanno subito attacchi in passato.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!