USA e Crypto: l’amministrazione Biden emanerà un ordine esecutivo, stimolando le agenzie a coordinare le regole cripto nel paese

Secondo quanto riferito, il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, introdurrà un ordine esecutivo che dirigerà le agenzie governative a studiare le specifiche del settore delle criptovalute. Tenendo presente che il leader ha imposto numerosi regolamenti dall’inizio del suo regno di presidenza, dovrebbe sollecitare anche l’istituzione di regole nello spazio delle risorse digitali.

La prossima direttiva dovrebbe arrivare la prossima settimana poiché si concentrerà anche sulle valute digitali delle banche centrali.

Cosa dobbiamo aspettarci?

Un ordine esecutivo è una direttiva firmata, scritta e pubblicata dal Presidente degli Stati Uniti che gestisce le operazioni del governo federale. Nonostante sia molto importante, non è una legislazione ufficiale in quanto il Congresso ha l’autorità di ribaltarla. Secondo una recente copertura, il suo prossimo esecutivo sarà orientato verso le criptovalute, CBDC e le rispettive normative nel mercato statunitense.

Il Democratico potrebbe richiedere ai Dipartimenti del Tesoro, dello Stato, della Giustizia e della Sicurezza Nazionale di progettare un quadro normativo completo per il settore. Tali agenzie dovrebbero anche elaborare una relazione sul futuro della moneta e dei sistemi di pagamento.

I sostenitori delle criptovalute di Mane sostengono che il mondo sta diventando digitale, ponendo Bitcoin e le altcoin al centro della scena. E come tali, credono che i contanti non siano più così preferiti. Allo stesso tempo, le valute fiat stanno gradualmente perdendo il loro valore a causa dell’aumento dell’inflazione globale, che potrebbe rendere le criptovalute un’opzione più interessante per gli investitori.

L’ordine esecutivo di Biden potrebbe prendere in considerazione misure per proteggere i consumatori, le imprese e gli investitori. In particolare, la direttiva potrebbe invocare la trasparenza e il miglioramento delle regole Know Your Customer (KYC). Il rapporto indicava inoltre che l’amministrazione di Biden si sarebbe coordinata con altre nazioni per standardizzare le regole crittografiche.

Molti si chiedono se i legislatori statunitensi introdurranno una legislazione sulle criptovalute appositamente progettata o tratteranno il settore come attività finanziarie tradizionali come azioni o obbligazioni.

Anche i predecessori di Biden, Donald Trump e Barack Obama, hanno emesso ordini esecutivi sulle risorse digitali mentre erano al potere. Nel 2018, Trump ha firmato una direttiva che vieta qualsiasi transazione finanziaria con sede negli Stati Uniti che coinvolga la criptovaluta venezuelana Petro.

Nel 2015 Obama ha consentito alle autorità di confiscare le risorse digitali legate a “significative attività dannose abilitate a cibernetica”. Ha anche consentito ai funzionari di sequestrare tali gettoni senza preavviso.

Le promesse delle autorità statunitensi

A differenza della Cina, il governo americano non ha intenzione di vietare tutte le attività di criptovaluta. Il presidente della Fed Jerome Powell ha affermato che nell’ottobre 2021, aggiungendo che è necessaria la supervisione nello spazio. Le stablecoin, in particolare, sono asset che richiedono un’attenzione normativa speciale, ha avvertito.

Pochi giorni dopo, il capo della US Securities and Exchange Commission, Gary Gensler, ha ribadito tali piani. Ha anche sollevato preoccupazioni sulle stablecoin, sostenendo che potrebbero causare problemi di stabilità finanziaria alla rete monetaria del paese.

All’inizio di quest’anno, Gensler ha anche “toccato” gli Exchange di criptovalute. Ha ritenuto che i controlli finanziari di Washington dovrebbero regolamentare direttamente tali sedi di negoziazione.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!