Diverse banche americane hanno formato un gruppo per offrire la propria stablecoin USDF completamente regolamentata

Il consorzio USDF è un’associazione di istituzioni finanziarie assicurate della Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) lanciata il 12 gennaio.

I membri fondatori del consorzio includono New York Community Bank (NYCB), NBH Bank, FirstBank, Sterling National Bank e Synovus Bank, secondo l’annuncio. Anche un paio di aziende fintech fanno parte del gruppo in quanto faciliteranno la promozione e l’adozione della nuova stablecoin.

Stablecoin coniate dalla banca

L’USDF è una stablecoin coniata da una banca che mira a competere o dominare le stablecoin esistenti emesse da privati ​​come Tether (USDT) e Circle’s USDC.

La nuova stablecoin sarà coniata esclusivamente dalle banche statunitensi e sarà riscattabile su base 1:1 con contanti dalle banche membri. L’obiettivo è quello di offrire ciò che il consorzio ha definito “maggiore protezione dei consumatori” rispetto alle stablecoin non regolamentate.

USDF opererà sulla Provenance Blockchain pubblica, una rete proof-of-stake aziendale lanciata nel maggio 2021 dalla Provenance Foundation, una società con sede a San Francisco, California. Il CEO di Figure Technologies, Mike Cagney, ha menzionato i potenziali casi d’uso per la finanza decentralizzata, commentando:

“L’USDF apre infinite possibilità per il mondo in espansione delle transazioni DeFi

Andrew Kaplan, Chief Digital and Banking as a Service Officer di NYCB, ha aggiunto:

“Come forma di valuta digitale creata e amministrata da banche statunitensi regolamentate all’interno del Consorzio USDF, USDF consentirà un ampio uso di un sistema di pagamenti on-chain in tempo reale che soddisfa importanti principi di sicurezza e solidità, conformità con gli standard antiriciclaggio e stabilità finanziaria”

L’annuncio non indicava quante stablecoin sarebbero state coniate nel batch iniziale o quando sarebbero state rese disponibili agli utenti che dovranno rispettare le procedure KYC/AML prima di poter aprire un portafoglio. Alla fine dell’anno scorso, un certo numero di senatori anti-cripto ha criticato le stablecoin sostenendo che rappresentano un rischio per l’economia statunitense.

Prospettive dell’ecosistema

Attualmente ci sono $ 170 miliardi di stablecoin in circolazione con un volume di scambi nelle 24 ore di circa $ 60 miliardi, secondo CoinGecko. Ciò rappresenta circa il 7,8% della capitalizzazione di mercato totale delle criptovalute al momento.

Tether è ancora la stablecoin dominante con 78,5 miliardi di USDT in circolazione, secondo il rapporto sulla trasparenza dell’azienda. Ciò conferisce a Tether una quota di mercato complessiva del 46%, una cifra che è andata gradualmente diminuendo. La fornitura di Tether è aumentata del 223% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

La seconda stablecoin più grande con una fornitura circolante di 44,1 miliardi è USDC che ha una quota di mercato del 26%. Il BUSD di Binance è al terzo posto con 14,1 miliardi di token o l’8,3% del mercato delle stablecoin. Terra USD (UST) ha ribaltato DAI al quarto posto con un’offerta attuale di 10,5 miliardi, secondo CoinGecko.

Fonte

Iscriviti alla nostra news letter, perché un’email, potrebbe cambiarti la vita!